Perché gli italiani muoiono più di COVID che in qualsiasi altra parte del mondo

man in white medical scrub lying on hospital bed

L’Italia è l’attuale detentrice di un record desolante: il più alto numero di morti per COVID in Europa. Anche rapportato al numero di abitanti, il numero di morti pone l’Italia al di sopra di ogni altro Paese, ben al di sopra di Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

Perché l’Italia è in queste terribili condizioni?

All’inizio della pandemia, marzo 2020, la stampa italiana si è affrettata ad attribuire l’orribile numero di morti alla precisione bizantina usata dai medici del Bel Paese nella compilazione dei certificati di morte. In particolare, i giornalisti italiani non potevano credere che in Germania il numero complessivo di morti, e di morti pro capite, fosse molto più basso. Così la stampa ha attribuito il maggior numero di italiani ai tedeschi e ad altri utilizzando criteri diversi. Sembrava che l’intero paese si lamentasse: “Non possiamo fare così pena, devono gli altri a truccare i loro numeri!”

Continuo a vedere questa posizione nella seconda ondata. In questa intervista, un professore afferma che se qualcuno muore dopo un incidente automobilistico ma è risultato positivo anche per COVID-19, la causa della morte è attribuita a COVID-19. Veramente? Controlliamo le fonti.

Mortalità: morti per 100.000 abitanti
Mortalità nel mondo: morti per 100.000 abitanti

Gli italiani contano le loro cause di morte in modo diverso rispetto ad altri paesi?

La risposta è definitivamente no: i documenti del Ministero della Salute italiano utilizzano gli stessi criteri per classificare la morte per COVID-19 del CDC americano. Le due linee guida sembrano rispecchiarsi precisamente nella traduzione, compreso l’esempio di come compilare il certificato. Entrambi seguono chiaramente lo stesso standard stabilito dall’OMS .

E quel professore sembra chiaramente sbagliarsi, come nell’esempio fornito dal Ministero della Salute italiano.

Esempio di certificato di morte
Esempio di certificato di morte con infezione da COVID-19 elencata come non parte della causa della morte.

La stampa italiana ama citare persone che condividono liberamente le loro opinioni senza cercare esperti opposti. Non è raro leggere o ascoltare in tv commenti che piantano il seme di dubbi sui numeri ma non ottengono mai una concreta confutazione.

“Gli italiani hanno contato i morti nella primavera del 2020” dice un altro professore (nessuna affiliazione o chiarimento su che tipo di professore) alla tv di Stato. Eppure, uno studio del think-tank italiano ISPI ad aprile ha mostrato che l’eccesso di mortalità in Italia per la prima ondata era superiore ai casi COVID segnalati.

Il nazionalismo fuori luogo impedisce il dibattito

La triste verità è che il sistema sanitario italiano è uno spettacolo dell’orrore, costoso e inefficace. E ci vogliono giornalisti dell’Associated Press per mostrare quanto sia grave perché la stampa nazionale non può o non vuole.

E, infine, la leadership italiana è stata assolutamente inadeguata a far fronte a un disastro di queste proporzioni. Ma poiché le bugie si diffondono rapidamente e rimangono nell’immaginario pubblico, il Primo Ministro italiano ha ancora un ampio sostegno da parte della popolazione (anche se si sta rapidamente erodendo).

Una nuova ondata di nazionalismo offusca le menti italiane, togliendo la capacità di analizzare e criticare la micidiale gestione. È molto più facile indicare i malvagi vicini europei che eludono i loro conti di morte piuttosto che ammettere che il sistema sanitario pubblico italiano ha un disperato bisogno di riforme radicali. Oppure l’Italia continuerà ad essere il cupo detentore del record.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati