fbpx
Analisi e approfondimenti Home - ultime notizie

Perché l’Europa non deve essere coinvolta nella guerra contro TikTok e piuttosto deve fare regole proprie .

lo leggi in 4 minuti

di Mikuláš Peksa (europarlamentara del Partito Pirata – CZ)

Con una miope escalation del suo conflitto con Pechino, Donald Trump ha bandito TikTok e WeChat negli Stati Uniti dalla metà di settembre in poi.

Il rischio rappresentato dalle società di software cinesi è reale, non solo per la privacy degli utenti. Gli algoritmi cinesi sono praticamente strumenti di censura e le aziende cinesi non sono meno propensi a formare enormi monopoli dei loro concorrenti americani.

L’Europa si trova ora a un bivio. Non dovremmo assolutamente essere coinvolti nella guerra tra Cina e Stati Uniti. Invece, possiamo utilizzare lo spazio che si sta liberando per riscrivere le nostre regole e creare un ambiente di mercato dedicato alla protezione della privacy degli utenti e in grado di sfruttare il potere di un mercato veramente libero.

Qual è il problema con le società cinesi?

La legislazione cinese impone alle aziende in Cina, che significa anche TikTok, di collaborare automaticamente con il governo comunista, il che include la consegna dei dati degli utenti. E TikTok ha accumulato un enorme quantità di dati; è già stato multato per aver violato le leggi americane raccogliendo i dati dei suoi utenti minori. Il Wall Street Journal ha anche rivelato che TikTok da 18 mesi raccoglieva indirizzi MAC (delle schede di rete ) per identificare singoli utenti, anche se la possibilità sarebbe stata bandita da Google. Anche il fatto che TikTok memorizzi le password degli utenti è pericoloso, poiché la maggior parte degli utenti utilizza purtroppo la stessa password per più app.

Ovviamente, fornire volumi astronomici di dati personali a qualsiasi azienda digitale non è mai una buona idea, sia che si parli di Facebook, Google o qualsiasi altro. Tuttavia, l’invio di dati alle grandi società e che attraverso queste finiscano al governo cinese è la peggiore combinazione possibile.

TikTok sta anche affrontando accuse di censura, che non sono meno gravi. Quello che viene mostrato sulla loro homepage è determinato dagli algoritmi e dai dipendenti della società. In un caso, TikTok ha bloccato l’account di Feroza Aziz, un’attivista, per via di un brillante video che criticava il genocidio culturale uigura. In questo caso, TikTok si è subito scusato e ha derubricato l’incidente come un “errore di moderazione umana”, poiché il loro moderatore umano probabilmente non ha notato che gli standard per la libertà di espressione sono fissati leggermente più alti in Occidente che in Cina. Allo stesso modo, TikTok ha mostrato un numero sospettosamente limitato di video delle recenti proteste a Hong Kong, e i video sul Tibet sembrano essere altrettanto “impopolari”.

ByteDance, la società madre di TikTok, ha respinto tutte le accuse . Ha affermato che i dati degli utenti europei e americani erano archiviati su server al di fuori della Cina continentale. ByteDance vuole anche creare un “centro per la trasparenza” a Los Angeles, con esperti indipendenti che monitorano i loro algoritmi e le politiche sui contenuti. 

Eppure è qui che arriviamo al nocciolo della questione: queste misure potrebbero essere sufficienti se TikTok stesse realizzando automobili o un altro prodotto fisico. 

Invece, il suo prodotto è un software estremamente complicato e trovare qualsiasi tipo di backdoor in questo è tutt’altro che facile. L’ex Chief Security Officer di Facebook, Alex Stamos, lo ha confermato per The Economist: Finché gli ingegneri con sede a Pechino hanno accesso ai dati archiviati al di fuori della Cina, il loro governo può costringerli a consegnarli ai servizi segreti.

Allora perché non vietare TikTok e servizi simili?

La decisione di Trump è però poco solida.

Il primo è la chiarezza: l’ordine di Trump doveva entrare in vigore 45 giorni dopo che era stato emesso (il che significherebbe metà settembre), vietando tutte le “transazioni” tra cittadini e aziende americane e TikTok e WeChat. Il suo ordine ha inoltre addebitato al Dipartimento del Commercio di specificare queste “transazioni” entro 45 giorni.

La domanda è chi sarebbe interessato da questo divieto. All’inizio, la decisione di Trump ha causato il panico tra i fan di giochi popolari come Fortnite e League of Legends. La Casa Bianca ha cercato rapidamente di dissipare queste preoccupazioni spiegando che il divieto di questi giochi non era il loro obiettivo. Tuttavia, quando si tratta di piattaforme di grandi dimensioni, ci possono facilmente essere effetti collaterali. Negli ultimi giorni, anche grandi aziende come Epic Games, Apple e Google sono entrati in un gioco di tiro alla fune, ma tratteremo le lotte tra le piattaforme di gioco e il modo in cui lavorano con i tuoi dati in modo separato articolo.

È quasi certo che Google e Apple dovranno rimuovere queste app dai loro negozi online americani.  Ma come si assicureranno che gli utenti non cerchino di aggirare le rotte ufficiali? Cosa faranno i 100 milioni di americani che hanno già installato TikTok sui propri dispositivi? Il divieto si applica anche ai servizi Google e Apple in Cina? E l’Europa?

Il problema successivo è il vero scopo di un intervento statale così forte. Trump non lo sta facendo per proteggere i suoi cittadini dall’abuso dei dati o dai massicci monopoli rafforzati da queste pratiche. Il suo obiettivo è esercitare più pressione possibile su TikTok, per costringerlo a separare le sue attività negli Stati Uniti e venderle a Microsoft. Microsoft potrebbe essere un po’ meno problematico di ByteDance, ma nutrire uno dei giganti più potenti dell’industria di Internet, che non è particolarmente preoccupato per la tua privacy, è un’autostrada diretta per l’inferno. Non è un reale miglioramento per gli utenti: i loro dati apparterranno semplicemente a un grande marchio diverso. Nel frattempo, Trump ha già chiesto apertamente la sua parte di bottino.

Il terzo problema è l’effetto che ciò avrà sui clienti. WeChat appartiene a TenCent, uno dei maggiori attori nel settore dei videogiochi. Non c’è quindi da meravigliarsi che subito dopo l’emissione dell’ordine, la gente abbia iniziato a chiedersi se il divieto si sarebbe applicato anche alla popolare League of Legends. Da allora il governo ha dichiarato che il divieto non interesserà questi giochi , ma il testo dell’ordine esecutivo non lo specifica.

L’ultimo problema è la certezza del diritto. Subito dopo che Trump ha emesso gli ordini, il mercato azionario ha reagito in modo abbastanza drammatico, ma a lungo termine, non è nemmeno certo che il divieto entrerà in vigore: ByteDance ha già detto che si sarebbero rivolti ai tribunali e gli ordini esecutivi di Trump sono stati ribaltati dai tribunali già una volta, nel caso del cosiddetto Muslim Ban

Siamo convinti che un modo sano di comportarsi è quello prevedibile ed equo. Uno stato disposto a fare pressioni casuali su una società straniera affinché venda parte delle sue attività a un altro gigante nazionale non è sicuramente un luminoso esempio di libertà.

Un altro colpo per il world wide web

Il divieto di Trump causerà problemi pratici alle aziende e agli utenti cinesi e americani, ma ha un altro aspetto: rappresenta un altro passo in una sorta di deglobalizzazione del mondo virtuale (tra le altre cose). Vint Cerf, uno dei fondatori di Internet, ha messo in guardia contro la creazione di una “Splinternet fratturata” .

Non c’è dubbio che questa tendenza sia iniziata proprio in Cina. La politica restrittiva del governo cinese su Internet è spesso giustamente etichettata come il Grande Firewall cinese. Dopotutto, WeChat deve la sua popolarità al fatto che Google e Facebook sono stati banditi in Cina. Dovremmo tutti spingere affinché il Great Firewall venga smantellato e abbattuto, ma invece Trump ha iniziato a costruire un piccolo muro tutto suo. 

Questo è un grave errore strategico degli Stati Uniti e tutti finiremo per pagarlo. Una Internet globale e la comunicazione globalizzata comportano una serie di sfide, ma i loro vantaggi sono innegabili. La libertà di informazione ci ha portato infinite possibilità di intrattenimento, nonché l’opportunità di prendere decisioni migliori. Ci collega tutti. Un mondo in cui i cinesi hanno accesso solo alle informazioni cinesi e gli americani solo a quelle americane è un mondo che ha molte meno probabilità di andare avanti; e uno in cui odierei vivere.

Come possiamo affrontare questa minaccia?

Questa è la domanda da un milione di dollari.

La via americana della libertà sfrenata e dei vantaggi sistemici per i più grandi attori ha portato a un mercato dominato da grandi società e una concorrenza in calo.

Sono convinto che la chiave sia un mercato veramente competitivo. Un mercato del genere necessita di regole eque e di una buona regolamentazione per proteggere i diritti e la privacy degli utenti ed evitare l’aumento di grandi monopoli.

Gli Stati Uniti hanno ancora molta strada da fare in questo. La loro legislazione antitrust era un fulgido esempio per il resto del mondo, ma negli ultimi due decenni sono rimasti indietro. Inoltre, è grave che manchino di una legislazione simile al GDPR dell’UE, come è ben chiaro alla società civile. Recentemente lo ha espresso anche The Economist. Tuttavia, invece di escogitare una soluzione sistemica, gli Stati Uniti hanno scelto di impegnarsi in attacchi sconsiderati e miopi contro singole società.

Dopotutto, nell’ultimo indice della qualità della vita digitale in termini di accessibilità, il modo in cui i paesi dell’UE promuovono la concorrenza ha guadagnato valutazioni elevate: la concorrenza tra un certo numero di fornitori di Internet è molto migliore per i consumatori rispetto al sistema americano dei giganti di Internet. E quando si parla di sicurezza elettronica, gli Stati membri dell’UE sono superiori a tutti gli altri paesi grazie al GDPR.

Tuttavia, essere migliori degli altri non significa che possiamo stare tranquilli. Al contrario. L’UE potrebbe essere sulla strada giusta in alcune cose, ma c’è ancora molto da fare. Ad esempio, nel GDPR. La legislazione proibisce esplicitamente il trasferimento di dati a potenze straniere, ma l’applicazione di questa regola è un problema. È lasciato alle autorità nazionali e non esiste un organo di controllo centralizzato. Di conseguenza, non si è verificato un solo caso rilevante di una società sia stata multata per aver consegnato i dati a un governo di un paese terzo. L’hub di sicurezza di TikTok, ad esempio, è in Irlanda, dove il regolatore nazionale è presumibilmente piuttosto debole. Anche le indagini richiedono troppo tempo.

Dobbiamo utilizzare tutte le nostre opzioni. Abbiamo un disperato bisogno di un organismo di controllo centralizzato per le grandi società di software, poiché l’applicazione del GDPR per loro è molto più difficile che per gli e-shop, ad esempio. Dobbiamo anche fare pressione sulla Cina affinché modifichi le sue leggi che costringono le società cinesi a collaborare con il governo. Ma se è per questo anche i risultati dei nostri alleati americani su questo versante sono tutt’altro che buoni. Dopotutto, dovremmo essere in grado di dire ciò che non ci piace ai nostri alleati, giusto?

La regolamentazione delle società di software sarà sicuramente un processo lungo con un risultato incerto. È proprio come affrontare gli hacker che sono sempre un passo avanti e costringono le società di sicurezza a reagire sempre alle minacce esistenti. Anche aziende come TikTok correranno sempre il rischio di avere una backdoor per i dati personali o un meccanismo di censura nei loro algoritmi.

Non possiamo giocare a questo gioco per sempre. L’Europa non dovrebbe assolutamente essere coinvolta nella guerra tra Cina e Stati Uniti. Invece, possiamo usare lo spazio per scrivere le nostre regole e creare un ambiente di mercato dedicato alla protezione della privacy degli utenti e in grado di sfruttare il potere di un mercato veramente libero.