In Evidenza Libertà Rassegna Stampa

Il vostro Uomo nella Galleria Pubblica – Udienza Assange Giorno 1

Craig Murray | theneedleblog
Craig Murray

Il resoconto sul primo giorno dell’udienza per l’estradizione di Julian Assange redatto da Craig Murray (ex rettore dell’Università di Dundee, ex ambasciatore britannico in Uzbekistan e attivista per i diritti civili)

Articolo originale: “Il vostro Uomo nella Galleria Pubblica – Processo-Assange Giorno dell’udienza 1 – Craig Murray

La Woolwich Crown Court è stata progettata per imporre il potere dello Stato. I normali tribunali di questo paese sono edifici pubblici, deliberatamente collocati dai nostri antenati proprio nel centro delle città, quasi sempre a pochi passi da una strada principale. Lo scopo principale del loro posizionamento e della loro architettura è stato quello di facilitare l’accesso del pubblico, nella convinzione che sia fondamentale che la giustizia possa essere vista dal pubblico.

Il tribunale della Corona di Woolwich, che ospita il tribunale dei magistrati di Belmarsh, è costruito sul principio totalmente opposto. È stata progettata con il solo scopo di escludere il pubblico.

Attaccato a una prigione su una palude battuta dal vento, lontano da qualsiasi normale centro sociale, un’isola accessibile solo attraverso la navigazione in un labirinto di strade a doppia carreggiata, l’intera posizione e l’architettura dell’edificio si basa sull’impedimento dell’accesso del pubblico. È circondato da una continuazione della stessa barriera d’acciaio estremamente pesante che circonda la prigione. È la cosa più straordinaria, un palazzo di giustizia che fa parte del sistema carcerario stesso, un luogo dove si è già considerati colpevoli e in carcere all’arrivo. Woolwich Crown Court non è altro che la negazione fisica della presunzione di innocenza, l’incarnazione stessa dell’ingiustizia in acciaio inossidabile, cemento e vetro blindato. Ha esattamente lo stesso rapporto con l’amministrazione della giustizia di Guantanamo Bay o della Lubyanka. In realtà è solo l’ala di condanna del carcere di Belmarsh.

Quando ha chiesto informazioni sulle strutture per la partecipazione del pubblico all’udienza, a un attivista di Assange è stato detto da un membro del personale del tribunale che avremmo dovuto capire che Woolwich è un “tribunale antiterrorismo”. Questo è vero de facto, ma in realtà un “tribunale antiterrorismo” è un’istituzione sconosciuta alla costituzione britannica. Infatti, se un solo giorno alla Woolwich Crown Court non vi convince che l’esistenza della democrazia liberale sia ormai una menzogna, allora la vostra mente deve essere davvero molto chiusa.

Le udienze per l’estradizione non si tengono alla Belmarsh Magistrates Court all’interno della Woolwich Crown Court. Si tengono sempre alla Westminster Magistrates Court, poiché si ritiene che la richiesta sia stata consegnata al governo di Westminster. Ora fatevi un’idea. L’udienza è alla Westminster Magistrates Court. È tenuta dai magistrati di Westminster e dal personale del tribunale di Westminster, ma si trova alla Belmarsh Magistrates Court all’interno della Woolwich Crown Court. Tutta una strana convoluzione proprio per poter utilizzare il “tribunale antiterrorismo” per limitare l’accesso del pubblico e per imporre il timore del potere dello Stato.

Una conseguenza è che, nella stessa aula di tribunale, Julian Assange è confinato in fondo al tribunale dietro uno schermo di vetro antiproiettile. Durante il procedimento ha più volte sottolineato che questo gli rende molto difficile vedere e sentire il procedimento. La magistrata, Vanessa Baraitser, ha scelto di interpretare questo fatto con studiata disonestà come un problema causato dal rumore molto debole dei dimostranti all’esterno, in contrapposizione al problema causato dal fatto che Assange è stato rinchiuso lontano dal tribunale in una massiccia scatola di vetro antiproiettile.

Ora non c’è più alcun motivo per cui Assange debba stare in quella scatola, progettata per reprimere i terroristi estremamente violenti fisicamente. Egli potrebbe sedersi, come un imputato ad un’udienza normalmente farebbe, nel corpo del tribunale con i suoi avvocati. Ma la vile e viziosa Baraitser ha rifiutato le ripetute e persistenti richieste della difesa di permettere ad Assange di sedersi con i suoi avvocati. Baraitser, naturalmente, non è altro che una marionetta, sotto la supervisione del magistrato capo Lady Arbuthnot, una donna così invischiata nell’establishment dei servizi di difesa e sicurezza che non riesco a concepire alcun modo in cui il suo coinvolgimento in questo caso possa essere più corrotto.

Non importa a Baraitser o ad Arbuthnot se c’è una reale necessità di incarcerare Assange in una scatola antiproiettile, o se questo gli impedisce di seguire il procedimento in tribunale. L’intenzione di Baraitser è quella di umiliare Assange, e di instillare nel resto di noi l’orrore per il vasto potere schiacciante dello Stato. L’inesorabile forza dell’ala di condanna della prigione da incubo di Belmarsh deve essere mantenuta. Se siete qui, siete colpevoli.

È la Lubyanka. Puoi essere solo un detenuto in custodia cautelare. Questa può essere solo un’udienza, non un processo. Puoi non avere precedenti di violenza e non essere accusato di alcuna violenza. Puoi avere tre dei più eminenti psichiatri del paese che presentano relazioni sulla tua storia di depressione clinica grave e di pericolo di suicidio. Ma io, Vanessa Baraitser, continuerò a rinchiuderti in una scatola progettata per i terroristi più violenti. Per mostrare cosa possiamo fare ai dissidenti. E se poi non potrai seguire i procedimenti giudiziari, tanto meglio.

Forse accetterete meglio ciò che dico sul Tribunale quando vi dirò che, per un’udienza che viene seguita in tutto il mondo, l’hanno portata in un’aula di tribunale che aveva un numero totale di sedici posti a disposizione del pubblico. 16. Per essere sicuro di averne uno di quei 16 e di poter essere il vostro uomo in galleria, ero fuori da quella grande recinzione di ferro chiusa a chiave, in coda al freddo, bagnato e con il vento dalle 6 del mattino. Alle 8 del mattino il cancello era aperto, e sono riuscito a camminare all’interno della recinzione fino a un’altra fila davanti alle porte dell’aula, dove, nonostante i cartelli dicano chiaramente che il tribunale apre al pubblico alle 8 del mattino, ho dovuto fare di nuovo la fila fuori dall’edificio per un’altra ora e quaranta minuti. Poi sono stato esaminato attraverso le porte blindate delle camere stagne, attraverso i controlli di sicurezza di tipo aeroportuale, e ho dovuto fare la fila dietro altre due porte chiuse a chiave, prima di arrivare finalmente al mio posto, proprio quando il tribunale ha iniziato alle 10 del mattino. A quel punto l’intenzione era quella che avremmo dovuto essere completamente soggiogati e intimiditi, per non parlare dell’essere inzuppati e potenzialmente ipotermici.

C’era un ingresso separato per i media e un’aula multimediale con trasmissione in diretta dall’aula, e c’erano così tanti media che pensavo di potermi rilassare e non preoccupare, perché i fatti di base sarebbero stati ampiamente riportati. In realtà, non avrei potuto sbagliarmi di più. Ho seguito le argomentazioni in modo molto chiaro ogni minuto della giornata, e nessuno dei fatti e delle argomentazioni più importanti oggi è stato riportato da nessuna parte nei media mainstream. È un’affermazione audace, ma temo che sia perfettamente vera. Quindi ho molto lavoro da fare per far sapere al mondo cosa è successo veramente. Il solo atto di essere un testimone onesto è improvvisamente estremamente importante, quando tutti i media hanno abbandonato quel ruolo.

James Lewis QC ha fatto la dichiarazione di apertura dell’accusa. Era composta da due parti, entrambe ugualmente straordinarie. La prima parte, la più lunga, è stata davvero notevole per non contenere alcuna argomentazione legale e per essere stata indirizzata non al magistrato, ma ai media. Non è solo che era ovvio che fosse il punto a cui miravano le sue osservazioni, egli ha effettivamente dichiarato in due occasioni durante la sua dichiarazione di apertura che si stava rivolgendo ai media, una volta ripetendo una frase e dicendo specificamente che la stava ripetendo di nuovo perché era importante che i media l’avessero recepita.

Sono francamente stupito che Baraitser l’abbia permesso. E’ del tutto fuori luogo che un avvocato non rivolga osservazioni alla corte, ma ai media, e semplicemente non potrebbe esserci alcuna prova più chiara del fatto che questo sia un processo di show politico e che Baraitser ne sia complice. Non ho il minimo dubbio che la difesa sarebbe stata richiamata molto rapidamente se avesse iniziato a rivolgere osservazioni ai media. Baraitser non ha alcuna pretesa di essere altro che in balia della Corona e, per estensione, del governo degli Stati Uniti.

I punti che Lewis voleva che i media sapessero erano questi: non è vero che anche i media mainstream come il Guardian e il New York Times sono minacciati dalle accuse contro Assange, perché Assange non è stato accusato di aver pubblicato i telegrammi, ma solo di aver pubblicato i nomi degli informatori, e di aver coltivato Manning e di averlo aiutato a tentare l’hacking informatico. Solo Assange aveva fatto queste cose, non l’informazione mainstream.

Lewis ha poi proceduto a leggere una serie di articoli dei media mainstream che attaccavano Assange, come prova che i media e Assange non erano nella stessa barca. L’intera ora introduttiva è consistita nel fatto che l’accusa si è rivolta ai media, cercando di creare un chiaro cuneo tra i media e Wikileaks e quindi di ridurre il sostegno dei media ad Assange. Si è trattato di un discorso politico, nemmeno remotamente di una presentazione legale. Allo stesso tempo, l’accusa aveva preparato una risma di copie di questa sezione del discorso di Lewis, che sono state distribuite ai media e consegnate elettronicamente in modo da poterle tagliare e incollare.

Dopo un aggiornamento, il magistrato Baraitser ha interrogato l’accusa sulla veridicità di alcune di queste affermazioni. In particolare, l’affermazione secondo cui i giornali non erano nella stessa posizione, perché Assange era stato accusato non di pubblicazione ma di “favoreggiamento” di Chelsea Manning nell’ottenere il materiale, non sembrava coerente con la lettura da parte di Lewis della legge sui segreti ufficiali del 1989, secondo la quale il solo ottenimento e la pubblicazione di qualsiasi segreto governativo era un reato. Sicuramente, ha suggerito Baraitser, ciò significava che i giornali che si limitano a pubblicare le fughe di notizie di Manning sarebbero colpevoli di un reato?

Questo è sembrato cogliere Lewis del tutto alla sprovvista. L’ultima cosa che si aspettava era una certa perspicacia da parte di Baraitser, il cui compito era solo quello di fare quello che diceva. Lewis mormorava e canticchiava, si metteva e si toglieva gli occhiali più volte, regolava ripetutamente il microfono e prendeva una serie di fogli di carta dal suo fascicolo, ognuno dei quali sembrava sorprenderlo per il suo contenuto, mentre li sventolava in aria e diceva che avrebbe dovuto citare il caso Shayler, ma non riusciva a trovarlo. Sembrava di guardare Colombo senza il suo fascino e senza la domanda “killer” alla fine del processo.

Improvvisamente Lewis è sembrato giungere a una decisione. Sì, disse molto più fermamente. La legge sui segreti ufficiali del 1989 era stata introdotta dal governo Thatcher dopo il caso Ponting, in particolare per rimuovere la difesa dell’interesse pubblico e per rendere il possesso non autorizzato di un segreto ufficiale un reato di responsabilità oggettiva – il che significa che non importa come l’hai ottenuto, la pubblicazione e anche il possesso ti ha reso colpevole. Pertanto, in base al principio della doppia incriminazione, Assange era passibile di estradizione indipendentemente dal fatto che avesse aiutato o meno Manning. Lewis ha poi aggiunto che qualsiasi giornalista e qualsiasi pubblicazione che abbia pubblicato un segreto ufficiale commetterebbe quindi un reato, indipendentemente dal modo in cui l’ha ottenuto e dal fatto che abbia o meno fatto il nome di informatori.

Lewis aveva quindi appena contraddetto l’intera dichiarazione di apertura ai media, affermando che non c’era bisogno di preoccuparsi, perché le accuse contro Assange non avrebbero mai potuto essere applicate nei loro confronti. E lo ha fatto subito dopo l’aggiornamento, subito dopo che la sua squadra aveva distribuito copie dell’argomentazione che aveva appena completamente contraddetto. Non posso pensare che sia successo spesso in tribunale che un avvocato di alto livello si sia dimostrato così assolutamente e immediatamente un bugiardo indiscriminato e demotivato. Questo è stato senza dubbio il momento più sorprendente dell’udienza di oggi.

Eppure non riesco a trovare da nessuna parte nei media mainstream una menzione che indichi che ciò sia accaduto. Quello che posso trovare, ovunque, è la prima parte della dichiarazione di Lewis sul perché l’accusa di Assange non sia una minaccia alla libertà di stampa; ma nessuno sembra aver riferito che cinque minuti dopo abbia completamente abbandonato la sua stessa argomentazione. I giornalisti erano troppo stupidi per capire gli scambi?

La spiegazione è molto semplice. Il chiarimento viene da una domanda che Baraitser ha fatto a Lewis, non c’è traccia stampata o elettronica della risposta di Lewis. La sua dichiarazione originale è stata fornita in formato taglia e incolla ai media. La sua contraddizione richiederebbe che un giornalista ascoltasse ciò che è stato detto in tribunale, lo capisse e lo scrivesse. Al giorno d’oggi non esiste una percentuale significativa di giornalisti dei media tradizionali che posseggano questa elementare abilità. Il “giornalismo” consiste nel tagliare e incollare solo le fonti approvate. Lewis avrebbe potuto pugnalare a morte Assange in aula, e non sarebbe stato riportato se non in un comunicato stampa del governo.

Sono rimasto incerto sullo scopo di Baraitser in questo. E’ chiaro che su questo punto ha screditato Lewis in modo molto negativo, e sembrava piuttosto divertita nel farlo. D’altro canto, il punto da lei sollevato non è necessariamente utile alla difesa. Quello che diceva era essenzialmente che Julian poteva essere estradato sotto doppia incriminazione, dal punto di vista del Regno Unito, solo per aver pubblicato, che avesse o meno cospirato con Chelsea Manning, e che anche tutti i giornalisti che hanno pubblicato potevano essere accusati. Ma sicuramente questo è un punto così estremo che sarebbe destinato a non essere valido ai sensi della legge sui diritti umani? Stava spingendo Lewis ad articolare una posizione così estrema da essere insostenibile – dandogli abbastanza corda per impiccarsi – o stava assecondando la prospettiva non solo dell’estradizione di Assange, ma di un’azione penale di massa contro i giornalisti?

La reazione di un gruppo è stata molto interessante. I quattro avvocati del governo degli Stati Uniti seduti immediatamente dietro Lewis hanno avuto la grazia di sembrare molto scomodi, poiché Lewis ha dichiarato in modo plateale che qualsiasi giornalista e qualsiasi giornale o media che pubblica o che possiede un segreto governativo commetteva un grave reato. La loro intera strategia era stata quella di fingere di non dirlo.

Lewis è poi passato a concludere le argomentazioni dell’accusa. Il tribunale non aveva alcuna decisione da prendere, ha dichiarato. Assange deve essere estradato. Il reato ha soddisfatto la prova della doppia incriminazione, essendo un reato sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. La legge britannica sull’estradizione vietava espressamente alla corte di verificare se vi fossero prove a sostegno delle accuse. Se ci fosse stato, come ha sostenuto la difesa, un abuso di procedura, il tribunale deve comunque estradare e poi il tribunale deve perseguire l’abuso di procedura come una questione separata contro gli autori dell’abuso. (Si tratta di un’argomentazione particolarmente pretestuosa, in quanto non è possibile per la corte intraprendere un’azione legale contro il governo degli Stati Uniti a causa dell’immunità sovrana, come Lewis sa bene). Infine, Lewis ha dichiarato che la legge sui diritti umani e la libertà di parola sono del tutto irrilevanti nei procedimenti di estradizione.

Edward Fitzgerald si è poi alzato per fare la dichiarazione di apertura per la difesa. Ha iniziato affermando che il movente dell’accusa era interamente politico e che i reati politici erano specificamente esclusi ai sensi dell’articolo 4.1 del trattato di estradizione del Regno Unito e degli Stati Uniti. Ha sottolineato che all’epoca del processo Chelsea Manning e di nuovo nel 2013 l’amministrazione Obama aveva preso decisioni specifiche per non perseguire Assange per le fughe di notizie di Manning. La situazione è stata ribaltata dall’amministrazione Trump per motivi interamente politici.

In merito all’abuso di processo, Fitzgerald ha fatto riferimento alle prove presentate ai tribunali penali spagnoli che la CIA aveva commissionato a una società di sicurezza spagnola di spiare Julian Assange all’ambasciata, e che tale spionaggio includeva specificamente la sorveglianza degli incontri privilegiati di Assange con i suoi avvocati per discutere l’estradizione. Il tentativo dello Stato che cerca di estradare di spiare le consultazioni cliente-avvocato dell’imputato è di per sé un motivo per archiviare il caso. (Questo punto è indubbiamente vero. Qualsiasi giudice rispettabile respingerebbe sommariamente il caso per l’oltraggioso spionaggio degli avvocati della difesa).

Fitzgerald ha continuato dicendo che la difesa avrebbe prodotto prove che la CIA non solo avrebbe spiato Assange e i suoi avvocati, ma avrebbe attivamente preso in considerazione il rapimento o l’avvelenamento, e che questo dimostrava che non c’era alcun interesse per un corretto rispetto della legge in questo caso.

Fitzgerald ha affermato che l’inquadramento del caso da parte dell’accusa conteneva una deliberata travisamento dei fatti che equivaleva anche ad un abuso di procedura. Non era vero che ci fossero prove di un danno per gli informatori, e il governo degli Stati Uniti lo aveva confermato in altre sedi, ad esempio nel processo di Chelsea Manning. Non c’era stata alcuna cospirazione per hackerare i computer, e Chelsea Manning era stata assolta da quell’accusa alla corte marziale. Infine, non era vero che Wikileaks aveva iniziato a pubblicare i nomi non censurati di informatori, poiché altre organizzazioni mediatiche ne erano state responsabili per prime.

Ancora una volta, per quanto posso vedere, mentre l’accusa degli Stati Uniti di aver danneggiato gli informatori è ampiamente riportata, la confutazione totale della difesa sui fatti e l’affermazione che la falsificazione dei fatti equivale ad un abuso di processo non è affatto riportata. Fitzgerald ha infine fatto riferimento alle condizioni carcerarie statunitensi, all’impossibilità di un processo equo negli Stati Uniti e al fatto che l’amministrazione Trump abbia dichiarato che i cittadini stranieri non riceveranno la protezione del Primo Emendamento, come motivo per cui l’estradizione deve essere vietata. Potete leggere l’intera dichiarazione della difesa, ma a mio parere il passaggio più forte è stato sul motivo per cui questo è un processo politico, e quindi preclude l’estradizione.

«Ai fini della sezione 81(a), devo poi affrontare la questione di come
questa accusa politicamente motivata soddisfa la prova di essere diretta contro Julian Assange per le sue opinioni politiche. L’essenza delle sue opinioni politiche che hanno provocato questo procedimento penale sono riassunte nelle relazioni del professor Feldstein [scheda 18], del professor Rogers [scheda 40], del professor Noam Chomsky [tab 39] e il professor Kopelman:

i. È uno dei principali sostenitori di una società aperta e della libertà di espressione.
ii. È contro la guerra e contro l’imperialismo.
iii. È un sostenitore di fama mondiale della trasparenza politica e del diritto del pubblico di accedere alle informazioni su questioni importanti – questioni quali la corruzione politica, i crimini di guerra, la tortura e i maltrattamenti di detenuti di Guantanamo.
5.4. Queste convinzioni e queste azioni lo portano inevitabilmente a entrare in conflitto con potenti Stati, compresa l’attuale amministrazione statunitense, per motivi politici. Ciò spiega perché è stato denunciato come terrorista e perché il presidente Trump abbia chiesto in passato la pena di morte.
5.5. Ma devo aggiungere che le sue rivelazioni sono tutt’altro che limitate alle malefatte degli Stati Uniti. Ha esposto la sorveglianza da parte della Russia; e ha pubblicato le rivelazioni su Mr. Assad in Siria; e si dice che le rivelazioni di WikiLeaks sulla corruzione in Tunisia e la tortura in Egitto sono stati il catalizzatore della stessa primavera araba.
5.6. Gli Stati Uniti dicono che non è un giornalista. Ma vedrete un resoconto completo del suo lavoro nel Bundle M. È membro del sindacato dei giornalisti australiani dal 2009, è membro del NUJ e della Federazione Europea dei Giornalisti.
Ha vinto numerosi premi mediatici, tra cui l’onorificenza con il più alto riconoscimento per i giornalisti australiani. Il suo lavoro è stato riconosciuto dall’Economist, Amnesty International e il Consiglio d’Europa. È il vincitore del premio Martha Gelhorn ed è stato più volte nominato Economista, Amnesty International e il Consiglio d’Europa.
È il vincitore del premio Martha Gelhorn ed è stato più volte nominato per il premio Nobel per la Pace, sia l’anno scorso che quest’anno.
Potete vedere dai materiali che ha scritto libri, articoli e documentari. Ha avuto articoli pubblicati sul Guardian, il New York Times, il Washington Post e il New Statesman, solo per citarne alcuni. Alcune delle pubblicazioni per cui si chiede l’estradizione sono state giudicate da e su di esse si è fatto affidamento in Tribunali di tutto il mondo, tra cui la Corte Suprema del Regno Unito e la Corte europea dei diritti dell’uomo. In breve, ha sostenuto la causa di trasparenza e libertà di informazione in tutto il mondo.
5.7.Il professor Noam Chomsky la pone in questo modo: – “nel sostenere coraggiosamente credenze politiche che la maggioranza professa di condividere ha svolto un enorme servizio a tutti coloro che nel mondo fanno tesoro dei valori della libertà e della democrazia e che quindi esigono il diritto di sapere cosa stanno facendo i loro rappresentanti eletti” [cfr. tab. 39, paragrafo 14].
Quindi l’impatto positivo di Julian Assange sul mondo è innegabile. L’ostilità che ha provocato da parte dell’amministrazione Trump è altrettanto innegabile.
Il test legale per le “opinioni politiche”
5.8. Sono sicuro che siete a conoscenza delle disposizioni legali in materia: in particolare se una richiesta viene presentata a causa delle opinioni politiche dell’imputato. Un ampio approccio deve essere adottato nell’applicazione del test. A sostegno di ciò ci affidiamo al caso di Re Asliturk [2002] EWHC 2326 (autorità competenti per gli abusi, tab 11, ai paragrafi 25 – 26) che stabilisce chiaramente che un approccio così ampio dovrebbe essere adottato al concetto di opinioni politiche. E questo coprirà chiaramente le posizioni ideologiche di Julian Assange. Inoltre, ci basiamo anche su casi come Emilia Gomez contro SSHD [2000] INLR 549 alla scheda 43 del complesso delle disposizioni sul reato politico. Questi mostrano che il concetto di “opinioni politiche” si estende alle opinioni politiche imputate al singolo cittadino dallo Stato che lo persegue. Per questo motivo la descrizione di Julian Assange e WikiLeaks come di una “agenzia di intelligence ostile non statale” fatta da Pompeo rende evidente che è stato preso di mira per le sue opinioni politiche. I rapporti di tutti gli esperti dimostrano che Julian Assange è stato preso di mira a causa della posizione politica attribuitagli dall’amministrazione Trump – come un nemico dell’America che deve essere abbattuto.»

Domani la difesa continua. Sono sinceramente incerto su ciò che accadrà, perché mi sento troppo stanco per essere lì alle 6 del mattino per fare la fila per entrare. Ma spero di riuscire in qualche modo ad elaborare un altro rapporto domani sera.

Ringrazio di cuore chi ha fatto una donazione o si è iscritto per rendere possibile questa relazione.

Questo articolo è completamente gratuito da riprodurre e pubblicare, anche in traduzione, e spero vivamente che la gente lo faccia attivamente. La verità ci renderà liberi.