fbpx
Attività

Domanda dal board del Partito Pirata Europeo

Originale
la presente è una traduzione automatizzata parzialmente rivista di questo post. Eventuali correzioni possono essere spedita all’indirizzo info[at]partito-pirata.it

From: Mikulàš Peksa – Chairperson European Pirate Party
Date: Dom 27/09/2020 13:06

Caro Emmanuele,

scrivo a nome del Consiglio di European Pirate Party. Negli ultimi mesi, abbiamo ricevuto più reclami da parte di persone che rivendicavano il loro interesse nell’Italian Pirate Party. Oggetto di critica è stato principalmente l’accesso al nuovo sistema di voto (“congresso”) rispetto alla verifica degli utenti e alla loro riservatezza (es. Protezione dei dati personali). Questo problema avrebbe escluso una parte degli elettori dal voto. Comprendiamo molto bene che un tale cambiamento amministrativo è molto impegnativo e potrebbe avere vari effetti collaterali indesiderati. Tuttavia, poiché la privacy e la democrazia sono valori fondamentali del movimento pirata, eravamo preoccupati per il possibile disagio causato ai nostri membri. Potrebbe, per favore, fornirci una breve descrizione dei cambiamenti amministrativi in ​​corso all’interno del Partito?

Comprendiamo che i disaccordi su vari argomenti fanno parte normale della vita politica, comprese le discussioni interne all’interno dei partiti pirata in tutto il mondo. Al fine di mediare i disaccordi all’interno dell’Associazione e risolvere le questioni controverse, il Partito Pirata Europeo ha istituito il Code of Concuct Council (CoCC). Se sei interessato ai suoi servizi, il CoCC sarà lieto di fornire l’assistenza necessaria.

Cordiali saluti,

Mikuláš – Presidente del Partito Pirata Europeo

Risposta del Presidente del Congresso del Partito Pirata In Italia

Salve Mikulàš,

Antonio Gramsci ha detto una volta “La malattia nasce quando il vecchio muore e il nuovo non può nascere”.

Per favore, perdonami se dovessi essere lungo e pedante in questa relazione. Mi dispiace di non aver avuto il tempo per una revisione più approfondita, ma ho ritenuto che fosse necessaria una risposta pronta, chiara, completa ed estesa in meno di 24 ore. Anche per evitare il lavoro di chi usa il backstage per distribuire falsità. Dobbiamo conoscerci meglio e farò del mio meglio per soddisfare tale esigenza, lo prometto. Per ora penso che una risposta aperta e chiara sia la cosa migliore per risolvere le vostre preoccupazioni.

Ricevere una lettera dal presidente del partito europeo, senza previa informazione dei nostri delegati internazionali, non è affatto un buon segnale.

Per rispondere, ho davvero bisogno per ricucire i fili di una lunga storia, e devo cominciare dall’inizio.

Molto tempo fa, a seguito del partito pirata tedesco, il Partito pirata in Italia scelse di utilizzare un software (Liquid Feedback, d’ora in poi LQFB) per gestire la propria vita democratica interna.

Come altri, i pirati italiani hanno affermato di dare un “ sistema operativo ” alla democrazia interna (rivendicazione successivamente adottata anche, con molto più successo, dal partito italiano M5S, ora al governo, e hanno molti problemi con il Garante della Privacy, multe e ordini ingiuntivi).

Nel frattempo, per quanto ne so, la maggior parte degli altri pirati ha dismesso l’uso di Liquid Feedback. Gli italiani no. Hanno invece testato configurazioni complicate per superare gli stessi problemi che altri avevano, e senza un vero successo. Il partito non ha acquisito rilevanza politica, né ha attratto nuovi membri.

Diciamo che la scelta di Liquid Feedback non ha avuto un successo sorprendente. Beh, non è stato affatto un successo.

Nel 2013 il Partito Pirata in Italia ha totalizzato alcune centinaia di iscritti e si è praticamente sciolto negli anni 2014-2018, dopo molte guerre interne e polemiche su LQFB, con l’accusa di profili falsi, uso di prestanome ed espulsioni (su basi un po ‘ideologiche). A quel tempo, ho lasciato il Partito per concentrarmi sulle attività della vita reale e non su patetiche guerre di religione interne.

Sembra che il Partito Pirata in Italia non abbia fatto tesoro di ciò che hanno scoperto gli altri partiti pirata, di ciò che hanno detto gli stessi autori di LQFB sull’uso di questo software e delle critiche generali espresse su quel tipo di ludicizzazione della democrazia. Il partito quindi è crollato ed è rimasto bloccato su questo.

Nel 2018 sono state segnalate solo dodici quote associative alla tesoreria. (alla cifra enorme di 10 € per membro, due a 5 €).

Nel 2019, aggirando in qualche modo Liquid Feedback e le regole dell’Assemblea permanente attraverso l’uso esteso del meccanismo di delega, i pochi pirati rimasti sono riusciti a mettere in scena la presenza elettorale nelle competizioni europee. Questo è stato un bene.

La metà dei candidati (i più votati di persona) non erano nemmeno membri del Partito Pirata (anche se erano tutti pirati senza alcun dubbio). Erano personalità ben note della società civile con un curriculum molto rilevante nella scena digitale e non – sono state tutte inserite nella lista dei candidati dal mio impegno e dedizione. Inoltre, ad essere onesti, solo queste persone hanno fatto campagne sulla TV nazionale e altri media poiché i membri più anziani del Partito Pirata, anche ogni volta che venivano invitati, erano … ehm … troppo timidi per andare. La raccolta dei video di youtube sulle elezioni parla forte e chiaro. Non puoi trasformare le persone che non sono in grado di parlare in pubblico in frontmen dall’oggi al domani.

Il partito è diventato visibile a livello nazionale e ha ottenuto più di 60.000 voti. È solo lo 0,26%. Certo, in Italia non c’era mai stato prima un pubblico così vasto impegnato in politiche digitali, questioni di privacy, libera condivisione di conoscenze e altre parole chiave comuni utilizzate dai pirati europei nella campagna elettorale. In effetti è stata un’ottima base per costruire una vera posizione del Partito, legata alle lotte centrali dei pirati europei (e non alle chiacchiere di estrema sinistra che hanno sciolto il Partito nel 2013).

Abbiamo cominciato a rendere pubbliche le assemblee “nella vita reale”, mentre i vecchi pirati non lo facevano mai. Questi appuntamenti si sono poi stabilizzati online durante il lockdown e, come sai, dallo scorso marzo sono diventati settimanali.

Con le elezioni e le azioni successive, il Partito ha quadruplicato i membri (da dodici a una cinquantina). La quota di iscrizione è stata la cifra irrisoria di soli 10 euro l’anno (o anche solo 5 euro – “a suo insindacabile giudizio”, come diceva una norma del vecchio Statuto).

Tuttavia, anche questa tariffa competitiva non ha portato grandi masse. E abbiamo finito per spendere tutti i nostri pochi soldi in dozzine di macchine virtuali inutili a fini politici.

Liquid Feedback come un videogioco

Sfortunatamente, la piccola crescita dei membri della LQFB ha fatto emergere ancora una volta le dinamiche che hanno portato il Partito a dissolversi. In particolare, piuttosto che concentrarsi su un’autentica attività politica esterna, alcuni membri provenienti dagli anni precedenti del Partito hanno utilizzato ancora una volta Liquid Feedback per inscenare scaramucce, diatribe o critiche infantili di natura puramente ideologica, senza alcun contenuto politico reale, solo per il amore del dominio o della supremazia personale, per lo più basata su questioni di interpretazione delle regole (soprattutto sulla base anche di interpretazioni errate delle regole).

Liquid Feedback era così tornato a essere un campo di battaglia, piuttosto che un luogo di incontro. Il Partito stava diventando, come era stato, una sorta di videogioco da poltrona senza alcuna apertura politica.

La maggior parte di coloro che erano interessati al Partito Pirata se ne andarono a causa di questo ambiente di schermaglie. Altri non sono mai entrati nel Partito a causa delle arcane procedure di adesione (ne parlerò più avanti).

Fortunatamente, abbiamo un gruppo ristretto di persone interessate alle proposte della famiglia del Partito Pirata e non solo a lottare per il loro potere nell’Assemblea.

Altrettanto inefficienti nel 2019 sono state le operazioni del Collegio Arbitrale, uno dei consigli di amministrazione del Partito, bloccato in diatribe ideologiche sulla continua richiesta di colpire avversari “politici”.

Sebbene ci fossero poche persone problematiche, le regole del sistema erano tali da poter bloccare tutte le attività.

Con il sostegno della maggioranza in LQFB e il completo rispetto delle regole, i membri di nuova registrazione con maggiore competenza politica insieme ad alcuni membri più anziani del partito, hanno messo in atto quattro contromisure per superare i problemi:

  • Eletto nel Collegio Arbitrale persone con almeno conoscenza della legge, (avvocato o professore universitario);
  • Aumento del quorum necessario per portare le proposte in discussione e votare. Ciò ha impedito la fine dell’attività di guerriglia in LQFB;
  • Aumentare la quota associativa (da soli 0,40 € / mese a 5 € / mese);
  • Promozione di un nuovo statuto, più efficace e meno complicato del precedente, con uno schema di gestione trasparente e meno incarichi nominati.

Il precedente Statuto aveva, tra le altre cose inefficaci, una quantità sproporzionata di “membri eletti” inutili negli organi intermedi. Non avevano quasi alcun potere reale se non quello di combattersi a vicenda, e si potevano contare 23 ruoli anche quando il Partito non aveva più di dodici membri, quindi la stessa persona si è ritrovata con fino a cinque posizioni simultanee, dalla tesoreria al comitato tecnico, ammissione dei membri, amministrazione del forum, arbitrato e altro. Un maschio alfa, senza dubbio.

Quindi, nel 2019, ci sono state infinite lotte per proposte di sfiducia sulle posizioni elettive e successive battaglie per le rielezioni. Un vero incubo!

Riducendo l’atteggiamento ludico di Liquid Feedback, avendo un competente Comitato Arbitrale non coinvolto in diatribe ideologiche, e con la necessità di una quota non più simbolica per l’adesione, le persone meno motivate politicamente hanno lasciato autonomamente il Partito, non senza aspre polemiche.

Né hanno cercato di fare proposte politiche alternative; né volevano proporsi come nuova leadership, questa piccola minoranza desiderava solo giocare online su Liquid Feedback. Hanno infuriato contro il «nuovo» Partito, sfogando la loro rabbia su Facebook per ogni piccola sciocchezza.

Alla fine, alcuni di loro non hanno pagato la quota di iscrizione 2020 e sono usciti.

La quota e le nuove posizioni

Nonostante la quota minima di adesione nel 2020 fosse aumentata di sei volte (da 10 € a 60 €, o anche dodici volte considerando la regola del “proprio insindacabile giudizio”) il numero dei membri attivi nell’Assemblea del Partito 2020 (successivamente ribattezzato Congresso) ha eguagliato e superato gli anni 2019. Ciò ha dato al partito più risorse, sia umane che materiali. Sono entrati alcuni nuovi pirati competenti.

Il Partito ha ricoperto tutti i ruoli e per la prima volta da molto tempo, avendo tutti i sessi in consigli di amministrazione o ruoli importanti.

Presidente, Consiglio di Coordinamento, Garante sono stati tutti eletti con maggioranze qualificate (⅔ dei votanti).

Altri, cioè il Tesoriere e il Burocrate, non volevano rassegnare le dimissioni per nuova approvazione statutaria, volevano restare fino alla fine del mandato. Questa è stata una brutta mossa.

Nel 2018, solo pochi membri hanno eletto Burocrate e Tesoriere (ha recentemente ammesso di avere solo sei voti per passare le elezioni). Non è strano che abbia avuto poco sostegno dai nuovi membri in Assemblea quando ha scelto di cambiare idea e ha cessato di sostenere la necessità di trasparenza o quando ha proposto un bilancio debole in seguito. Poi si è dimesso, con una mossa furiosa.

Necessità di trasparenza e identificazione dei soci nel 2020

Dopo l’approvazione del nuovo Statuto e la nomina del nuovo Garante (che è anche Responsabile della Privacy del Partito) è sorto il problema della corretta tenuta del Libro dei Soci, che è il libro legale che ogni associazione in Italia deve compilare per registrare i suoi membri con dati personali di base e informazioni di identificazione.

La conservazione del libro dei soci è un impegno necessario per rispettare la legge, qualunque cosa accada. Ogni associazione in Italia deve avere questa registrazione. Quindi deve averlo il Partito, che ha scelto anni fa questa forma di organizzazione.

Prima del nuovo Statuto e del nuovo Garante (che è un avvocato, come ho detto, non un informatico infuriato che finge di sapere tutto) il Partito non teneva questo libro in una forma minimamente legale. Il Partito non ha mai tenuto quel libro.

L’idea di non avere un documento legale vincolante con le informazioni dei membri forse giaceva in un malinteso: la supremazia della privacy sulla trasparenza è sopravvissuta alla vecchia anima tecno-utopica del Partito Pirata Italiano.

Nessuno può avere dubbi sul fatto che il Partito Pirata in Italia sia ora sul fronte per sostenere la privacy dei cittadini.

Ma come organizzazione di partito, è difficile sostenere che le sue attività dovrebbero essere nascoste per motivi di privacy.

Era anche contro lo statuto del partito, ma la maggior parte del vecchio statuto semplicemente non veniva applicato, “per tradizione”. Questa è un’affermazione infelice per un partito politico.

Certamente, i membri del partito dovrebbero essere in grado di scegliere la forma in cui sostenere le loro idee e non necessariamente mettersi in condizione di esporre le loro preferenze politiche se non lo faranno. Questo è un problema aperto di cui stiamo discutendo nel Partito.

È impensabile che un partito moderno prenda le sue decisioni da giocatori o partecipanti segreti. Soprattutto quando vogliono decidere giorno per giorno.

Ahimè, nel Liquid Feedback del Partito italiano, c’erano profili anonimi completi. Dietro i soprannomi, le persone non si sono nemmeno presentate a riunioni faccia a faccia o conferenze online. Alcuni non hanno risposto a messaggi ed e-mail.

Inoltre, nell’amministrazione del partito, esisteva un gruppo chiuso che gestiva i beni per “eredità delle tradizioni”, non per scelte di partito pubblico o qualsiasi collegamento diretto con la responsabilità di una posizione designata.

Poiché tutto ciò era molto imbarazzante, con una scelta adeguata del Congresso, abbiamo deciso che se alcuni volevano rimanere al Congresso permanente online, avrebbe dovuto essere rintracciabile personalmente nel Libro dei membri, non solo perché si tratta di un vincolo legale,  ma perché la trasparenza delle decisioni in un organo politico dovrebbe essere più importante della privacy dei burocrati.

Stiamo selezionando politici o burocrati che invocano la privacy per nascondere le loro azioni politiche o amministrative una volta eletti?

So che qualcuno sta cercando di spingere questo come un conflitto sulla questione della privacy in gioco nel Partoto  Pirata, e non è così. Questa è una questione politica riguardo alle cose che il Partito dice e riguardo alle cose che il Partito fa.

Da un lato, questo è semplicemente il bisogno di rispettare la legge (tutto questo è un po’ rivoluzionario in Italia), dall’altro (dato che siamo un partito politico e vogliamo competere anche contro le leggi se ciò è opportuno), noi tutti i pirati italiani insieme valutavano, con una giusta decisione nella nostra piattaforma democratica, anche con maggioranze qualificate, di farlo in quel modo perché il rischio di essere accusati di sostenere profili falsi al Congresso Permanente era reale.

Dal 2013, poiché Liquid Feedback impone un voto palese, l’idea dei vecchi pirati italiani era che agire in modo anonimo potesse mitigare il problema di uno scrutinio libero e indipendente.

Questo tipo di hack non è stato ovviamente di aiuto, ad esempio a causa dei problemi di delega. L’idea ha poi dato vita a una serie di altri passi falsi che hanno imposto al Partito di discostarsi dalla trasparenza fondamentale della corretta gestione del partito e della vita democratica.

Una fetta sopra l’altra, prima del 2019, quel malinteso radicale e estremista della privacy ha portato alla completa debacle della politica del partito. Questo tipo di anonimato è stato forse utile per vincere battaglie interne (magari usando profili falsi o prestanome) ma inutile nella politica del mondo reale dove i volti, le parole ei comportamenti reali sono importanti.

La difesa della privacy dei cittadini è la stella polare del Partito Pirata e la trasparenza come in una casa di vetro è il metodo di gestione ineludibile.

Anche se il Partito Pirata in Italia non sembrava aver praticato trasparenza prima del nuovo Statuto 2020, per quanto posso valutare non ci sono state pratiche scorrette significative o altre questioni illegali sulla gestione della tesoreria o qualsiasi altro aspetto del Partito. Era solo un prototipo di negligenza.

Prima del 2019, quando il Partito era nient’altro che un piccolo club chiuso, l’unica vera accusa che puoi muovere è solo la sciatteria e la amichevolezza della gestione dell’associazione.
Quella amichevolezza non poteva durare nella vita reale, se il consiglio era stato eletto era responsabile dell’adesione del partito alla legge. Uno di questi errori di sbadataggine da parte di persone che affermano di saper gestire tutto e non lo fanno, ci sta costando una multa di 14mila euro ottenuta per le elezioni. Lo stesso avvocato che chiede la corretta gestione del Libro dei Soci, sta lavorando, pro bono, per cercare di farci annullare questa multa.

Alcune altre scelte erano particolarmente tossiche e dannose per il Partito.

Per affermare “la privacy radicale dei membri” il Partito ha voluto nascondere al pubblico tutto il suo contenuto. Il contenuto dell’assemblea non era accessibile. Inoltre, i motori di ricerca e archive.org non avevano accesso al sito principale pubblico, al blog e ad altre informazioni, il Partito è diventato praticamente invisibile al pubblico. Non era strano che il partito perdesse rilevanza politica nel mondo reale. Tuttavia i pirati hanno continuato a recitare i loro giochi infantili ancora e ancora.

Alla fine del 2018 il Tesoriere si è dimesso. Poi (non sono riuscito a risalire a quanti, giusto per dire come regnava la trasparenza nel partito) un numero imprecisato di membri ha eletto il nuovo tesoriere (che recentemente ha dichiarato di avere una maggioranza di sole sei teste). Solo sei.

Come si legge nelle proposte di Liquid Feedback, la motivazione delle dimissioni del Tesoriere 2018 è stata la mancanza di impegno profondo del Partito a trovare nuovi membri e il notevole costo dei sistemi tecnici che il Partito aveva. (Ne parlerò più tardi).

Le elezioni del 2019 sono state l’occasione perfetta per aumentare il numero dei membri. Abbiamo avuto una buona ribalta e abbiamo fatto una buona prestazione. Tuttavia, sono emersi due problemi significativi: a) la quota di iscrizione nominale non è stata di alcun aiuto per dare risorse minime al Partito che si è conclusa in perdita e b) il completo pasticcio di procedure, programmi, regole e prassi nello statuto.

I nuovi membri avrebbero dovuto trovare un partito efficiente. Hanno trovato il Partito in una forma sorprendentemente terribile. Abbiamo dovuto riformare tutto il Partito e prima di tutto contro la retorica tossica dei vecchi membri che volevano veementemente una sorta di approccio gamificato all’assemblea in cui tutti dovessero lottare gli uni contro gli altri – l’opposto della politica in cui si dovrebbero trovare punti di mediazione.

La pubblicazione del Libro dei membri.

Come detto, non c’era il Libro dei Membri. E c’era di più.

Ogni una volta in un semestre, per il vecchio statuto, il Tesoriere avrebbe dovuto pubblicare un elenco dei membri. Non l’ha mai fatto, né nel 2019 né nel 2020. Questa mancanza ha portato a critiche per la presenza, in Assemblea, di profili falsi.

A quel tempo, il Partito aveva una applicazione online, programmata in modo un po ‘ingenuo, che riceveva richieste di adesione. Quell’applicazione supportava parzialmente il peculiare e intricato flusso di lavoro per l’iscrizione al Partito.

Questa applicazione aveva un modulo di crittografia per i dati personali. Forniva anche diversi compiti simultanei. Gestiva il primo contatto con le persone interessate; la condivisione dei dati tra i diversi ruoli coinvolti nelle adesioni e infine la definitiva archiviazione “sicura” dei dati personali (che però, sebbene registrati nel database in forma crittografata erano comunque accessibili sull’interfaccia web, che era senza dubbio né a prova di errore né malfunzionamento e quindi soggetto a possibili fughe di dati). Tuttavia, nel 2019 e nel 2020, abbiamo dovuto completare manualmente la maggior parte delle adesioni. In tutto questo il flusso di lavoro dell’applicazione è stato di scarsa utilità.

Uno dei problemi più noti era il pessimo rapporto dell’applicazione con il server di posta elettronica, che spesso impediva alle persone interessate all’iscrizione di ricevere la conferma o le successive e-mail che avrebbero avviato il processo di registrazione (i nuovi candidati dovrebbero essere contattati a mano e quasi mai hanno ricevuto le e-mail dell’applicazione). Questi continui malfunzionamenti e il complesso flusso di lavoro hanno portato ad altri brontolii sul timore di selezioni all’accesso.

Abbiamo perso molte iscrizioni al Partito che, come detto da alcuni persone ascoltate in seguito da me personalmente, sembrava goffo e inefficace nella sua attività più essenziale, il che era vero.

L’applicazione (ora dismessa) ha impedito sia la registrazione di nuovi membri sia la tenuta dell’elenco preciso dei membri. Forse la tabella SQL dei responsabili della privacy proveniva da questo sistema.

E alla fine, nessuno ha mai aggiornato quella tabella SQL a partire dall’agosto 2019 e non c’era un Libro dei membri in forma legale.

Quindi, quando il Partito nominò il nuovo Garante, non esisteva affatto il Libro dei Soci. Non averlo è molto problematico, non solo perché non stavamo rispettando la legge, ma perché lo statuto impone che solo i membri che sono nel Libro dei membri, possono avere diritti. Quindi senza questo, non possiamo essere sicuri, in positivo o in negativo, di chi operava legalmente nel partito.

Poiché c’erano membri che erano conosciuti e altri completamente sconosciuti al responsabile della privacy l’unico modo era recuperare la forma giuridica di quel libro dei membri. Non c’era altro modo.

Inoltre, i membri hanno firmato (se esiste) una vecchia e parziale privacy policy, che era grossolanamente inadeguata per il Congresso in pubblico. Per non dire, nemmeno in linea con il GDPR.

Come diventare anonimo?

Indietro nel tempo, il Partito ha ammesso nuovi membri con un processo piuttosto goffo chiamato «certificazione». Dopo tre mesi le persone che chiedevano l’adesione al partito, se qualche membro del partito le ha mai contattate, avrebbero dovuto essere “identificate” (o «certificate») in una sessione online individuale con un membro del partito che successivamente avrebbe garantito la loro identità.

Dovevano fornire alcuni dati personali e mostrare la carta d’identità al certificatore, che non poteva scattare un’istantanea. Il certificatore caricava i dati sulla piattaforma. Poi c’erano una serie di passaggi. Alcuni hanno aspettato anche sei o più mesi per ottenere la loro iscrizione. Gli “amici” venivano invece nominati in poche ore. Terminato questo lungo viaggio di «certificazione», il nuovo membro poteva diventare finalmente pirata e agire, da quel momento in poi, in maniera del tutto anonima senza alcuna registrazione nel Libro dei Soci.

Questo processo di “certificazione” orientato alla privacy non teneva conto del fatto che il certificatore stesso poteva dimettersi dal partito o semplicemente svanire. Per esempio, sono stato «certificato» nel 2013, di persona, da qualcuno che ora non so nemmeno come trovare. Mi ha «certificato» e non è più un pirata. Come può il  partito oggi avere fiducia in lui? Inoltre, se il Partito dovesse dimostrare la reale identità di un membro (ad esempio in un contenzioso per diffamazione) come potrebbe fare? Non solo, il Partito non avrebbe potuto trovare neppure il «certificatore», visto che lui stesso poteva essere anonimo. E inoltre non c’è alcuna registrazione in qualche forma di Libro dei membri.

L’unica informazione nota al Partito potrebbe essere solo un’e-mail. Forse anche no. L’unico posto in cui i pirati la conservavano è Liquid Feedback. Ma avrebbero anche potuto eliminare l’email dal profilo. In questo modo, si può votare, fare proposte o compiere qualsiasi atto di comportamento scorretto, come un profilo completamente anonimo oltre al suo nick. Siccome può anche cambiare il suo nick, risalire alla sua identità, non è facile (o addirittura impossibile).

Nella piattaforma Liquid Feedback tutti i membri, anche quelli completamente anonimi, possono scrivere qualsiasi cosa liberamente, non esiste moderazione. E tutto rimane open per progettazione.

Aprendo quella piattaforma su Internet, come abbiamo deciso, c’è il rischio sostanziale per il Partito di essere considerato complice di possibili questioni diffamatorie.

Anche se i membri possono usare pseudonimi e cambiarli quante volte vogliono, abbiamo deciso che dovrebbe esserci un collegamento diretto con il loro nome proprio online e devono essere elencati nel Libro dei membri, come la legge tuttavia prevede. In questo modo un’eventuale richiesta degli inquirenti non può mettere a repentaglio il Partito.

Alcuni passi formali

Il 10 aprile 2020 il Partito ha adottato il nuovo statuto. La mozione era in discussione da oltre tre mesi. È stato approvato a maggioranza qualificata (sostenuta dal 68% degli elettori), poco prima del Congresso del Partito il 17 aprile 2020.

https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6777.html  [purtroppo che i collegamenti possono essere visitati solo dai membri del Partito]

Come abbiamo visto, il nuovo statuto richiede un ombudsman dei nuovi membri chiamato Garante (garante) che ha, tra l’altro, il compito di Responsabile della privacy nel Partito. Lo Statuto prevede che il Garante del Partito abbia una laurea in giurisprudenza.

Durante il Congresso del Partito del 18 aprile 2020 è stato eletto Garante, con la maggioranza qualificata richiesta, l’avvocato Aldo A. Pazzaglia, già due volte membro del Collegio arbitrale del Partito Pirata in Italia, con la maggioranza qualificata richiesta (il 94% ha votato a favore). ). La mozione approvata è stata:

https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6853.html

«A seguito dell’adozione del nuovo statuto e regolamento del partito il 10/04/2020, appare la pronta elezione del Partito Garante Utile con questa mozione, il Congresso ringrazia moltissimo il lavoro del Collegio dei Probiviri in scadenza, composto dalla Prof. Maria Chiara Pievatolo, dall’Avv. Rebecca Berto e l’Avv. Aldo Pazzaglia, che ha operato con riconosciuta imparzialità e grande competenza, permettendo al Partito di ottenere un’autorità senza precedenti in questo campo. Ai sensi degli articoli 2.2.3 e 3.1.3 dello Statuto e in conformità all’art. E.1.1. della Procedura Elettorale, visto il possesso dei requisiti, di cui all’art. E.3.5, con questa mozione, si propone Aldo a. Pazzaglia, già membro degli ultimi due Collegi Arbitrale, in qualità di Garante di Partito per l’anno 2020. »

Il 7 maggio 2020 è stata approvata a maggioranza qualificata la proposta di” apertura “del Congresso (96% dei voti in favore).

https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6900.html

«PREMESSA

Vista l’approvazione del nuovo statuto ed in particolare la trasformazione sostanziale dell’organo espressione della “Democrazia Liquida” nel Partito Pirata da Assemblea Permanente (istanza “Agorà” sulla piattaforma LiquidFeedBack) a Congresso Permanente.

Considerata l’opportunità di evidenziare, anche nella istanza, l’evoluzione dello strumento ove si esercita la “Democrazia Liquida”, aprendone una nuova da denominarsi “Congresso”.

PROPOSTA

Tutto ciò visto e considerato, il Partito Pirata, riunito in Congresso Permanente, per i motivi suindicati,

impegna

gli organi esecutivi e collegiali del Partito Pirata, secondo la rispettiva competenza, ad attivare una nuova istanza, sulla piattaforma LiquidFeedBack, denominata “Congresso” con le seguenti prescrizioni particolari:

a) che i lavori della nuova istanza siano pubblici ed accessibili, in sola lettura, a tutti;

b) che solamente i pirati iscritti possano operare sulla nuova istanza, a titolo esemplificativo, presentando mozioni, emendamenti e votando;

c) che sia rispettata la normativa prevista dal Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali, (Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016);

d) che sulla vecchia istanza non possa più operarsi all’attivazione della nuova;

e) che alla vecchia istanza possano accedere i pirati iscritti anche se iscritti successivamente alla chiusura dell’istanza stessa.”

Sotto le nuove responsabilità assegnate al Garante del Partito, anche in qualità di Responsabile della Privacy il 2 giugno, il Garante Aldo A Pazzaglia ha quindi autonomamente ha avviato una procedura di “revisione straordinaria” del Libro dei Soci per stabilire quali pirati fossero effettivamente iscritti al Partito, senza alcun dubbio.

La necessità di questa revisione era duplice: da un lato, solo i pirati iscritti al Libro possono votare al Congresso, invece, con la pubblicità del Congresso, il Partito non poteva tollerare profili sconosciuti o falsi, anche per potenziali questioni diffamatorie che potevano sorgere. 

L’identificazione del partecipante al Congresso è un requisito legale necessario.

https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6909.html

«Premesso che all’Associazione Partito Pirata hanno diritto di partecipare solo i pirati iscritti a libro soci dell’associazione stessa e per questo il libro soci deve essere tenuto completo ed aggiornato con tutti i dati necessari ad identificare univocamente gli iscritti.

Ritenuto opportuno, quindi, procedere ad una revisione straordinaria del libro soci anche al fine di adeguarne il contenuto alle disposizioni normative, statutarie e regolamentari sopravvenute.

Tutto ciò premesso il Garante, nella funzione di garanzia a tutela degli iscritti del Partito (art. 2.2.3 comma 1 dello statuto) e di Garante privacy (art. 2.2.3 comma 3 dello statuto),

comunica

l’avvio della procedura di revisione straordinaria del libro soci dell’Associazione Partito Pirata che si concluderà domenica 7 giugno 2020.

A tal fine invita i pirati iscritti ad inviare a garante at partito-pirata.it un indirizzo di posta elettronica ordinaria al quale essere, eventualmente, contattati. “

Come si vede i precedenti funzionari (il responsabile della privacy o il tesoriere non ha fornito alcuna informazione sui membri, nemmeno le loro e-mail, avendola dovuta richiedere nella piattaforma Liquid Feedback).

Il 6 luglio nella riunione del Consiglio esecutivo (online), Alessandro Ciofini, allora Tesoriere e anche membro a capo del gruppo tecnico, ha dichiarato la disponibilità della nuova piattaforma del Congresso.

Il Consiglio Direttivo ha quindi stabilito in due settimane dopo, il 18 luglio, la data di passaggio al nuovo Congresso pubblico del Partito Pirata in Italia.

Il Consiglio Esecutivo ha inoltre affermato una politica dei nomi reali in tutte le attività del Congresso (gli pseudonimi sono consentiti, purché si colleghino a un nome reale) per superare la questione dei profili falsi. La decisione è stata comunicata formalmente a Liquid Feedback come https://agora.partito-pirata.it/initiative/show/6923.html

Si comunica che, come emerso alla riunione del Consiglio Esecutivo del 6/7/2020, la nuova istanza denominata “Congresso” sarà attiva alle ore 00:01 di sabato 18 luglio 2020. A decorrere da tale data tutte le mozioni ed iniziative, nonchè le comunicazioni al Congresso, dovranno essere presentate sulla nuova istanza, mentre la vecchia istanza denominata “Agorà” rimarrà attiva solo per le mozioni ed iniziative, nonchè per le comunicazioni al Congresso in corso a tale momento.

Opereranno, fin dall’attivazione, nella nuova istanza “Congresso”, solo i pirati che, all’esito della procedura di integrazione ed aggiornamento del libro soci dell’Associazione Partito Pirata, risulteranno iscritti entro il 17/07/2020 compreso.

I pirati che invieranno la documentazione successivamente a tale data potranno operare sull’istanza “Congresso” solo dopo l’avvenuta iscrizione a libro soci.

Si ricorda a tutti i pirati che i lavori della istanza “Congresso” saranno pubblici.

Saranno pubblici, oltre al nome e cognome ed al nickname, tutti gli altri dati che verranno inseriti da parte dell’interessato nel suo profilo sull’istanza “Congresso”.

Sarà pubblica e riconducibile attraverso nome e cognome e nickname, la presentazione di istanze ed emendamenti, il sostegno alle iniziative, il voto e gli eventuali commenti al voto.»

Solo il 9 luglio, a seguito di tali comunicazioni, il precedente Responsabile della Privacy del Partito, Michele Pinassi, ha consegnato all’attuale Garante, la suddetta tabella SQL con alcuni profili dei membri.

Il 14 luglio il Garante Avv. Aldo A. Pazzaglia ha pubblicato in Assemblea Permanente la comunicazione «i6932: Esito del riconoscimento del Libro Soci consegnato il 9 luglio 2020.»

«Il Libro Soci, consegnatomi in data 9 luglio 2020 da Michele Pinassi (o-zone), precedente Garante della Privacy, a sua volta a lui trasmesso da Luca Talamazzi (briganzia) che era Garante della Privacy prima di lui e che era ed è il responsabile nel CTO della procedura di iscrizione al Partito, non riporta tutti i nomi ed i dati dei pirati che attualmente operano sulla piattaforma LQFB.

Dei n. 49 pirati (più uno) dichiarati iscritti nel 2020, n. 26 risultano totalmente sconosciuti nel Libro Soci, mentre dei rimanenti n. 23 ci sono solo annotazioni parziali.

Inoltre risultano gli iscritti con numero progressivo dal n. 2 al n. 585 e dal n. 611 al n. 645.

Non risultano invece gli iscritti con numero progressivo dal n. 586 al n. 610.

Il n. 611 risulta essere una prova. Il n. 631 è un duplicato del n. 627.

Manca per tutti, invece, il dato relativo al pagamento delle quote associative (fatto salvo rari dati relativi a pagamenti effettuati in anni risalenti).

Ad oggi, quindi, si configura per l’Associazione Partito Pirata in Italia una diffusa situazione di illegalità rispetto alla tenuta corretta ed ordinata del Libro Soci.

In ragione di ciò rinnovo a tutti la richiesta di inviare i dati richiesti con la mail inviata a tutti il 6 luglio 2020.

Se la mail non vi risultasse arrivata, per favore, controllate la casella “spam”.

Per ogni informazione ulteriore potete inviare le vostre richieste a garante@partito-pirata.it.»

Il 15 luglio il Garante ha pubblicato in Assemblea Permanente la comunicazione” i6934: Primo rapporto Riconoscimento Libro Soci “.

«Hanno inviato la documentazione richiesta, ai fini della iscrizione, integrazione e correzione dei dati nel Libro Soci dell’Associazione Partito Pirata in Italia, i seguenti pirati:

1. Emmanuele Somma … ……….. …………… exedre;

2. Marco AL Calamari … ………………….. calamarim;

[… altri nomi seguono]

Avendo dato prova del loro diritto ad essere iscritti nel Libro Soci, risultando ivi correttamente iscritti, ed avendo fornito le necessarie autorizzazioni per la pubblicazione dei dati minimi necessari per esercitare il diritto di voto, i nominativi suindicati possono essere inseriti nella nuova istanza “Congresso” sulla piattaforma LQFB.

Si invitano i pirati all’invio della documentazione, già richiesta con mail inviata in data 6 luglio 2020 (in caso non sia pervenuto alcunchè si prega di controllare la cartella “spam”), al fine della loro iscrizione, integrazione e correzione dei dati nel Libro Soci, condizione necessaria e sufficiente per l’inserimento nella nuova istanza “Congresso” sulla piattaforma LQFB. »

A questa comunicazione pubblica, è stato sottoposto da un membro un commento che diceva: 

«La richiesta di dati personali a coloro che sono già regolarmente registrati non può essere vincolante per l’inclusione nella nuova domanda “Congresso” sulla piattaforma LQFB.

Tutti i membri in regola con la registrazione hanno il diritto di accedere e partecipare alle attività del Partito senza limitazioni.»

il Garante ha risposto:

«Come da precedente comunicazione NESSUNO era regolarmente iscritto nel Libro Soci dell’Associazione, non riconosciuta, Partito Pirata. Attualmente, lo sono solo gli undici nominativi suindicati la cui posizione è stata regolarizzata.

Possono accedere all’istanza “Congresso” solo coloro che siano regolarmente iscritti nel Libro Soci e (“e” congiuntivo e non disgiuntivo) che abbiano espressamente prestato l’autorizzazione ai fini privacy.

Il silenzio, ovviamente, equivale a negare l’autorizzazione.»

Per quanto ne so, più del 50% degli utenti precedentemente iscritti in Agorà ha consegnato i documenti richiesti. Tre membri si sono dimessi, altri due ci hanno comunicato di non essere interessati ad avere un profilo pubblico e sostengono comunque il Partito.

Tre altri hanno inviato un ordine di cease and desist chiedendo di non essere identificati.

Volevano inoltre bloccare il nuovo Congresso senza la loro presenza, senza base giuridica e nemmeno identificazione personale per l’emissione della richiesta.

La maggior parte dei profili rimanenti non ha ancora risposto alla prima email del Garante. Nessun profilo che ha fatto sorgere dubbi di essere fake ha reagito alla chiamata.

D’altra parte, il Partito ha avuto anche quattro nuove iscrizioni da Agosto, e altri tre membri, che si sono detti stranamente impossibilitati ad accedere alla vecchia Assemblea prima, sono ora pienamente operativi.

La necessità dell’identificazione dei membri nel Libro dei Membri proviene da un obbligo di legge da cui (come ogni associazione con base regolare in Italia) non possiamo sfuggire.

D’altra parse, anche se al momento non ci sono diatribe o scaramucce nel Congresso, la  policy del nome reale per il Congresso pubblico non si è ancora dimostrata, ad oggi, una contromisura efficace. Possiamo anche ripensarci.

Le questioni tecniche

L’Assemblea del Partito ha recentemente eletto anche il CTO (Comitato Tecnico). Vorrei accennare brevemente alle circostanze che hanno portato a ciò perché anche queste hanno un impatto significativo sui problemi del partito.

Il CTO è stato una sorta di circolo ristretto nella gestione del Partito fino alle recenti elezioni. Avevano la maggior parte delle risorse (domini, siti, account e così via).

Sebbene i servizi tecnici del Partito lasciassero a desiderare, il Partito era bloccato in una strana situazione. Da un lato, il gruppo tecnico non era in grado di seguire le varie cose che aveva in cantiere, e dall’altro era riluttante o ad abbandonare attività inutili o ad accettare l’aiuto di altre risorse che avevano aderito di recente al Partito.

Inoltre, la spesa per servizi tecnici è stata l’unica rilevante nel 2018, nel 2019 e lo sarà nel 2020, rappresentando la parte principale del bilancio e responsabile della sostanziale perdita annuale.

In un’Assemblea online appositamente convocata per discutere i servizi tecnici e raccogliere la volontà di aiutare il CTO, l’ex Tesoriere che era anche un membro principale del CTO, ha chiarito che a suo avviso il CTO dovrebbe rimanere un gruppo chiuso al quale si poteva solo entrare per cooptazione e al di fuori della scelta e del processo decisionale del partito.

Tuttavia, a seguito di queste dichiarazioni, hanno chiesto all’Assemblea di essere confermata CTO. Sono stati però respinti dal voto.

Alla fine, proprio il giorno prima del passaggio al nuovo Congresso, con una fretta inspiegabile, il vecchio CTO è uscito bruscamente e ha consegnato il nuovo Congresso. Hanno costretto il nuovo CTO, che non aveva esperienza, ad attivare da solo il nuovo Congresso nel giro di poche ore con un’azione che a molti è sembrata infantile e dispettosa.

Inoltre, lo stesso giorno dello switch-off altri membri del precedente CTO hanno ritirato la loro disponibilità a lavorare nel gruppo tecnico. Alcuni altri non volevano soddisfare i requisiti per l’iscrizione nel Libro dei Membri, forse per rappresaglia per la non elezione del vecchio CTO.

Conclusioni

Questo lungo rapporto serve a spiegare cosa sta succedendo nel Partito italiano. Non mi sorprende che qualcuno abbia tentato di aggirare la vita interna del Partito italiano nel tentativo di imporre la sua visione dall’alto.

La politica è fatta di decisioni e capacità di attuarle in modo concreto e lecito, senza essere asserviti in schiavitù impropria di tradizioni goffe, pretese infantili, incapacità di dialogare o volontà di supremazia o di agire come un maschio alfa desideroso per prevalere su tutti gli altri.

Ogni scelta può lasciare alle spalle persone che vogliono superare il gruppo senza nemmeno cercare di convincere delle proprie posizioni. Tuttavia, ogni volta che qualcuno se ne va, altri possono venire. Perdere qualcuno significa anche trovarne altri: nuovi amici, nuovi sostenitori e nuovi fautori se il Partito ha, come ha, conformato meglio la sua azione con le sue parole. 

Come può un partito difendere la trasparenza se non è trasparente?

Questi due anni sono stati difficili per il Partito italiano, perché dovevamo raggiungere un terreno comune di prassi, regole e anche di comportamenti delle persone.

Riassumendo:

  1. La legge richiede l’iscrizione dei membri nel Libro dei membri. Il responsabile della privacy non può venir meno, senza esserne personalmente responsabile. Né possiamo andare avanti, desiderosi di essere un vero Partito, senza aderire alle prescrizioni di legge necessarie. Possiamo certamente optare per una resistenza passiva nonviolenta contro le cattive leggi, e questo non è il caso. Chi si lamenta non ci ha nemmeno messo la faccia, ad esempio parlando in una delle nostre assemblee settimanali online;
  2. Chi non vuole essere iscritto a quel Libro, sta effettivamente chiedendo al Responsabile della Privacy di commettere qualcosa di illegale. Non c’è modo di mantenere la privacy ed essere iscritti al Partito senza una corretta identificazione. Il semplice fatto che il Partito fosse illegale in tempi precedenti non può essere una giustificazione per restare illegale adesso. Prima della nomina del nuovo statuto, il responsabile della privacy non era un avvocato competente e il partito aveva un rapporto un po’ rilassato con il rispetto della legge;
  3. I dati dei membri vengono conservati offline nella forma più sicura. I membri possono inviarli, come alcuni di loro hanno fatto, con messaggi crittografati PGP. Il Garante li cancella dal cassetto online non appena li riceve. Quindi gestisce i dati in un computer offline. Sono sicuro che il nostro responsabile della privacy li tiene nella forma più sicura. Chiunque abbia reclami specifici può ovviamente esprimerli nella forma corretta e li prenderemo in completa considerazione. Come posso facilmente dimostrare, ciò non si può dire dello stato di cose precedente. Altri partiti hanno avuto multe enormi per quel tipo di problemi.
  4. La politica dello pseudonimo legato al nome pubblico personale è stata scelta dal Comitato Esecutivo e dall’Assemblea per proteggere meglio il Partito dalle accuse di utilizzo di profili falsi nella sua vita democratica. Queste critiche erano comuni nella situazione precedente. Oserei dire, questo è un giusto equilibrio tra la totale trasparenza che un Partito dovrebbe adottare rispetto al completo anonimato a cui i pirati italiani erano abituati. Il Congresso ha affermato che il completo anonimato in politica non può essere in gioco in questa situazione.
  5. In Italia, dalle elezioni del 2019, nessuno è mai stato espulso dal Partito. Per il nuovo statuto (opposto al precedente) nessuno può nemmeno espellere un membro dal Partito per qualsiasi motivo. Ho lottato per far approvare questo articolo e ci credo fermamente più che mai.
  6. Alcuni membri non hanno volontariamente soddisfatto le richieste che abbiamo votato insieme nella piattaforma democratica e la maggioranza dei membri del partito ha ancora soddisfatto. La loro scelta è stata interamente una loro scelta. Se soddisfano, come altri hanno fatto, saranno ammessi al Congresso. Per quanto riguarda la decisione presa, avrebbero potuto lottare contro al momento opportuno (e alcuni hanno anche votato a favore), oppure potrebbero accettarla liberamente ora per provare a cambiarla dopo. Dipende solo da loro. Tentare di interferire dall’esterno, oserei dire, è il segno distintivo della loro mentalità democratica.
  7. Richiedere una politica di completo anonimato per l’accesso al pubblico Congresso, come qualcuno richiede, e inoltre adottare un comportamento in pubblico che potrebbe essere eventualmente non responsabile, potrebbe portare ad accuse per il Partito di essere complici di crimini d’odio o diffamazioni. L’idea stessa dei crimini d’odio è senza dubbio qualcosa contro cui dobbiamo lottare, ma non può esserci un dibattito sulla responsabilizzazione degli iscritti per ciò che fanno di persona. Nessuno può nascondersi dietro il Partito per cercare di ottenere un’irresponsabilità malata sotto la bandiera del Partito. Sono molto sicuro di essere ora Presidente del Partito Pirata in Italia perché credo fermamente che l’unica etica in politica sia l’etica della responsabilità. Non posso sostenere le persone che non vogliono essere pubblicamente responsabili degli atti che compiono in pubblico.

E ancora una cosa

Sono il Presidente del Congresso del Partito in Italia. Il Congresso ha preso queste decisioni in modo del tutto legale. La maggior parte delle decisioni ha avuto il voto e il sostegno di coloro che, dopo, se ne sono andati. Forse hanno votato nella speranza di manipolare il risultato per non attuare decisioni. I manipolatori sono comuni in politica. Tentano di ottenere risultati in modi diversi rispetto al modo diretto e legale, ad esempio agendo al di fuori del sistema appropriato e democratico.

O semplicemente non erano abituati ad attuare decisioni, come lo era il Partito prima delle elezioni del 2019.

In qualità di Presidente del Congresso, difenderò le decisioni del Congresso da queste lamentele oblique. Chiamale difesa della sovranità politica della nostra democrazia.

Il partito italiano ha la sua forma di tutela dei membri, ad esempio il difensore civico, al quale, per quanto ne so, nessuno si è mai lamentato nei modi previsti dal nostro Statuto.

L’Italia, sebbene debole, è ancora uno Stato di diritto e organizzazioni come la nostra devono sottoporsi a rigide forme di controllo. Nessuno ha nemmeno presentato reclami in merito.

Scusa se questo può sembrare scortese.

Come sai, presentare formalmente reclami scritti, in appositi autorità o tribunali espone al rischio di valutazione di calunnia se uno afferma cose che sa non essere vere. La calunnia è un reato penale.

Non credo che il Partito Pirata Europeo, per amicizia o tradizionalismo, sostenga processi alle intenzioni al di là della legge basati solo su piagnucolii obliqui contro un partito membro, su una questione puramente politica nella vita interna.

Sabato prossimo il Pirate Party in Italia sarà tra gli organizzatori della cerimonia non ufficiale dell’apposizione di una targa alla Colonna Infame. Questo era il nome della corte che presuntuosamente e sulla base di voci e calunnie condannò gli untori della peste del XVII secolo. Lo narrò uno dei più noti scrittori italiani di tutti i tempi, Alessandro Manzoni, in un libro “Storia della Colonna Infame”. Questo libro è rimasto, insieme a “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria, come uno dei fondamenti della cultura politica della giustizia in Europa. Mi auguro che il Partito europeo voglia stare dalla parte di chi commemora i cattivi della Colonna Infame e non contribuisca a scriverne un altro capitolo.

Negli ultimi due anni io personalmente ei “nuovi pirati”, ma soprattutto tutto il Congresso del Partito in Italia ha subito continui attacchi alla sua libertà e legittimità da parte di chi non ha avuto un minimo interesse a condividere il percorso per fare politica insieme.

Probabilmente si sentono antropologicamente superiori, antropologicamente più pirata di altri. Fingono di essere più pirati di chi, anche con il lavoro quotidiano, non ha nemmeno la speranza di diventare pirata, come si suol dire.

A questi pirati ubermenschen, che non hanno bisogno di prove di fatti per essere creduti, oltre alla loro anzianità e stagionatura, possiamo solo rispondere che se mai hanno ragione, sono soli. Noi siamo uniti. Tutti possono leggere i curricula personali delle persone unite in questo nuovo Partito e quello che hanno fatto dagli anni ’90 nella scena dei diritti digitali.

La politica, per me e i miei pari, è fare errori insieme piuttosto che avere ragione da soli.

Non temo chi non vuole condividere gli errori con il Congresso ed è venuto a cercare qualcuno che imponga una ragione di partito per la superiorità antropologica con la forza e la violenza.

Abbiamo preso decisioni democratiche. Lavoriamo per farle rispettare.

Mikulàš, se dovessimo ricevere critiche meno vaghe e più dettagliate, saremo lieti di affrontare la questione insieme, con le procedure che ritieni più appropriate.

Per ora è tutto.

Emmanuele Somma

Presidente del Congresso del Partito Pirata in Italia