Uncategorized

Pirati italiani alle Europee!

Alle prossime elezioni europee, a meno di interpretazioni fantasiose delle leggi vigenti, il simbolo del Partito Pirata italiano sarà sulle schede elettorali italiane.

Nei mesi scorsi abbiamo lavorato assieme agli altri Partiti Pirata europei per definire un programma comune, ufficialmente ratificato il 9 febbraio 2019, in Lussemburgo.

Il nostro è un movimento nato già internazionale, ed è attualmente presente anche in molti Paesi extra-UE. Abbiamo il vantaggio di non dover andare in giro per l’Europa alla ricerca di alleati per metter su improbabili “internazionali”.

Oggi più che mai c’è bisogno di una rappresentanza pirata nelle istituzioni europee. Per anni abbiamo denunciato i rischi derivanti dalla perdita di privacy online, ma i partiti tradizionali e la maggior parte dei media hanno sempre snobbato la questione, considerandola non prioritaria. Oggi, tuttavia, le conseguenze di questo atteggiamento sono sotto gli occhi di tutti. 
Oggi anche una piccola agenzia di marketing è in grado, attraverso l’accesso ai dati personali dei cittadini (o anche solo di una parte di essi), di spingere nazioni intere a prendere decisioni contrarie ai propri interessi e al tempo stesso a quelli globali.
Eventi fondamentali degli ultimi anni -la Brexit, l’elezione di Donald Trump- sono stati possibili grazie alla profilazione di massa e alla vendita di informazioni personali dei cittadini.

Le grandi sfide che abbiamo davanti -la giustizia economica, il cambiamento climatico, i diritti civili- richiedono scelte difficili e lungimiranti; ma nulla di tutto ciò sarà possibile, fin tanto che la politica continuerà ad avere come unico obiettivo la prossima tornata elettorale e ad affidarsi ad agenzie di marketing per vincere.

Vogliamo evitare che l’Europa diventi una tecno-distopia, in cui il terrorismo e la sicurezza vengono usati come scuse per giustificare un orrendo capitalismo della sorveglianza, in cui multinazionali e governi si spalleggiano a vicenda per raccogliere quanti più dati possibili sulle persone, per profitto o per controllo sociale. 
Come già avviene in Cina da diversi anni.

Vogliamo pensare l’Europa come un insieme di cittadini che hanno interessi e obiettivi comuni, perseguendo il bene collettivo, anche in ambito digitale

Stay tuned.