Tutto ciò che fai, dici o pensi oggi sarà usato contro di te in futuro

Tutto ciò che fai, dici o pensi oggi sarà usato contro di te in futuro

Questo articolo è la traduzione dell’originale pubblicato da Rick Falkvinge su Private Internet Access, e fa parte della serie di 21 articoli Analog Equivalent Rights, in cui il fondatore del Partito Pirata svedese analizza in modo approfondito la perdita del diritto alla privacy nel passaggio tra la generazione che ci ha preceduta (our analog parents) e quella che seguirà (our digital children).
Questo specifico post si rivela particolarmente d’attualità, in seguito alla vicenda dell’insegnante Flavia Cassaro.

Tutto ciò che dici o fai può e sarà usato contro di te, in qualunque momento del futuro lontano, quando il contesto e la ragionevolezza di ciò che hai detto o fatto saranno completamente cambiati”. All’epoca della sorveglianza analogica dei nostri genitori, tutto era preso nel contesto del momento. La sorveglianza digitale dei nostri figli salva tutto per usarlo contro di loro in un secondo momento.

È una realtà così orribile, per i nostri figli digitali, che neanche 1984 di Orwell era riuscito ad immaginarla. Nel mondo della sorveglianza analogica, dove le persone erano messe sotto sorveglianza solo dopo essere state identificate come sospettate di un crimine, tutto ciò che dicevamo e facevamo era effimero. Se il teleschermo di Winston lo avesse mancato mentre faceva qualcosa di male, Winston sarebbe stato salvo.

La sorveglianza analogica era effimera per due motivi: primo, perché si basava sul presupposto che fossero persone a guardare altre persone, e secondo, perché nessuno aveva la capacità di trovare istantaneamente le parole dette da una persona nelle conversazioni degli ultimi 20 anni. Nel mondo analogico dei nostri genitori, ciò avrebbe significato che qualcuno dovesse materialmente ascoltare venti anni di registrazioni audio in cassette, e ci sarebbero voluti 60 anni per farlo (visto che lavoriamo 8 ore su 24 al giorno). Ma nel mondo digitale dei nostri figli, alle agenzie di sorveglianza basta digitare poche parole per avere una trascrizione automatica di video/audio salvati per sempre su uno schermo, e non solo dalla conversazione di una persona, ma da parte di chiunque. (Non si tratta di un’esagerazione: era realtà già nel 2010, col programma GCHQ-NSA XKEYSCORE).

Nel mondo dei nostri genitori analogici, la sorveglianza era una cosa riferita solo a uno specifico momento nel tempo, nel quale l’individuo era sospettato di aver già commesso uno specifico e grave crimine.
Invece, nel mondo dei nostri figli digitali, la sorveglianza può essere retroattivamente attivata per qualsiasi ragione o anche senza alcuna ragione specifica, con l’effetto di Rete che tutti siamo sotto sorveglianza per qualsiasi cosa abbiamo detto o fatto.
Potremmo direttamente dire alle persone che la frase è diventata “qualsiasi cosa dici o fai potrà essere usata contro di te, per qualsiasi ragione o senza alcuna ragione, in qualsiasi momento del futuro”.

La nostra generazione ha completamente fallito nel preservare la presunzione di innocenza, almeno applicata alla sorveglianza, nel passaggio dai nostri genitori analogici ai nostri figli digitali.
Questa sottile aggiunta – che tutto è registrato per un successivo uso contro di te – amplifica l’orrore degli aspetti precedentemente menzionati.

Immagina se qualcuno ti chiedesse dov’eri nel pomeriggio del 13 marzo 1992. A malapena potresti avere una vaga idea di cosa hai fatto in quell’anno (“Vediamo…Mi ricordo che il mio servizio militare iniziò il 3 marzo di quell’anno…e le prime settimane ero in un accampamento nella foresta, con un inverno freddissimo…quindi stavo probabilmente…di nuovo in caserma dopo la prima settimana, avendo la prima lezione di teoria militare di qualcosa? O forse quella data era un sabato o una domenica, nel qual caso sarei andato in vacanza nel fine settimana? “Si tratta della massima precisione che la tua memoria può produrre dopo venticinque anni).

Comunque, quando messo a confronto con i dati di ciò che hai fatto, le persone che ti fanno la domanda avranno a disposizione una totale e completa informazione, perché semplicemente tu non la puoi rifiutare. “Eri in questa stanza e hai detto queste parole, secondo la trascrizione dei nostri dati. Insieme a te c’erano altre persone nella stessa stanza. Dobbiamo presumere che ciò che hai detto sia stato comunicato con l’intento di essere udito da loro. Cos’hai da dire in tua difesa”?

Non deve essere necessariamente 25 anni fa. Pochi mesi potrebbero essere sufficienti alla maggior parte delle memorie umane per non essere più molto dettagliate.
Giusto per spingerci oltre: considera che si sa che la NSA custodisce copia anche di tutta la corrispondenza criptata oggi, partendo dal presupposto che anche se oggigiorno non è tecnicamente decrittabile, potrebbe esserlo un domani. Considera anche che ciò che comunichi criptato oggi -sotto forma di testo, voce o video- potrebbe essere usato contro di te fra 20 anni. Probabilmente non conosci neanche metà di esso, perché la gamma di comportamenti socialmente accettabili può mutare in modi imprevedibili, come ha sempre fatto. Negli anni ’50 erano del tutto normali certi commenti su alcune minoranze, mentre oggi commenti analoghi porterebbero all’ostracizzazione. Altre minoranze sono ancora “insultabili”, ma potrebbero non esserlo in futuro.

Quando ascolti qualcuno che parla da cinquant’anni fa, stavano parlando nel contesto del loro tempo, forse anche con le migliori intenzioni secondo gli standard odierni. Tuttavia, potremmo giudicarli duramente per le loro parole interpretate dal contesto – completamente diverso- di oggi.

I nostri figli digitali si troveranno ad affrontare esattamente questo scenario, perché tutto ciò che fanno e dicono potrà e sarà utilizzato contro di loro, in qualsiasi momento nel futuro. Non dovrebbe essere così. Dovrebbero avere tutto il diritto di godere degli stessi diritti alla privacy del mondo analogico.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Flattr this!