Archivio

Alluvione in Sardegna: condividere per aiutare

Le tragiche conseguenze dell’alluvione in Sardegna il 18 novembre 2013 potevano essere evitate?

Abbiamo avuto a questo proposito modo di sentire Lucio Ghezzo, che vive a Tempio Pausania, l’importante centro della Gallura zona tra le più colpite, che ha così dichiarato: “è esecrabile quanto successo in Sardegna nell’alluvione del 18 novembre 2013. Porto il cordoglio ai familiari di tutte le vittime (tre delle quai a Tempio Pausania). Ciò che è successo era ampiamente prevedibile. Il degrado urbano in Gallura non potrà che portare altre vittime”.

Condividere per aiutare
Attraverso le comunicazioni molti problemi possono essere risolti, ci si può organizzare, si può rimanere in contatto con i propri cari, si può rimanere aggiornati.
Uno dei modi per aiutare in queste situazioni è condividere: la propria connessione togliendo le password per l’accesso tramite wi-fi dal proprio router, rendere disponibile la connessione mobile trasformando il proprio smartphone o tablet in hot spot (tethering)