Un pirata della prima ora alle regionali

Un pirata della prima ora alle regionali

Arturo di Corinto, indipendente nelle liste di Sinistra e Libertà di Vendola, un possibile trait d’union tra la sinistra accademica e quella antagonista.

Il sostegno del Partito Pirata alla candidatura di Arturo di Corinto è un atto naturale. Va innanzitutto oltre le comuni battaglie sostenute negli ultimi anni: quella sul wi-fi libero e su ACTA, tanto per citarne due, perché Arturo era un pirata già prima che il partito fosse fondato. Il sostegno ad Arturo va dato per via di quel che ha costruito in questi anni, anche insieme ai Centri Sociali e all’Area Antagonista: basti pensare a Forthnet. Un’esperienza di condivisione, prima di tutto, nata e cresciuta all’interno del Forte Prenestino, che è stato uno dei primi tentativi di rete libera, realizzata quasi esclusivamente con materiale di scarto – trashware. E allora le sue esperienze di docenza alla Sapienza di Roma, e all’Accademia di Massa Carrara vanno decisamente in secondo piano, perché Arturo non è solo un giornalista, un docente, uno psicologo cognitivo… Arturo è un pirata.

 

Questo documento è stato approvato democraticamente dall’Assemblea Permanente del Partito Pirata.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Flattr this!