Democrazia liquida

Democrazia liquida


La democrazia liquida è un tipo di democrazia nella quale i cittadini possono decidere in che forma esercitare il proprio potere politico, integrando, sia i concetti di democrazia diretta, che quelli di democrazia rappresentativa. Il cittadino può, nella massima libertà, scegliere se esercitare in prima persona il proprio potere politico, o delegarlo ad un suo rappresentante di fiducia (il delegato).

La chiave per interpretare questa tipologia di democrazia, sta nella massima libertà di scelta dell’esercizio del diritto politico: il cittadino sceglie se, come, quando, e su cosa farsi rappresentare.

Una democrazia rappresentativa è fondata su individui eletti in rappresentanza del popolo. Di solito si sceglie un rappresentante (un individuo o un gruppo) per un tempo determinato, ma se il cittadino cambia idea durante il periodo non può fare molto. Questi rappresentanti di solito portano un programma politico. Se il cittadino non ne approva completamente gli obiettivi è necessario che accetti dei compromessi.

D’altro canto, una democrazia pura (o diretta) può essere meno efficiente, è ritenuta impraticabile su larga scala ed i suoi pericoli sono conosciuti sin dai tempi di Platone. Detto questo, molte persone, oneste o meno, sostengono l’ideale di una democrazia pura. Le nuove tecnologie come Internet potrebbero metterla a portata di mano. Naturalmente questo è solo un aspetto tecnico. La domanda che emerge è: ma i cittadini sarebbero in grado di decidere su ogni questione? Potrebbero smettere di partecipare? Potrebbero essere prese decisioni superficiali? – “Buona idea, voto a favore!”.

È quì che entra in gioco l’idea di base della democrazia liquida: un elettore può delegare il suo voto a un fiduciario, tecnicamente un intermediario (proxy) temporaneo. Il voto può essere ulteriormente delegato ad un intermediario dell’intermediario, in modo da produrre una catena di deleghe basate sulla fiducia. Tutte le deleghe possono essere create, modificate o revocate a seconda dell’argomento di discussione. Per esempio, io voto per le questioni ambientali, ma Anne mi rappresenta per la politica estera. Mike mi rappresenta in tutte le altre aree ma posso cambiare idea in qualsiasi momento.

Chiunque può scegliere il suo livello di partecipazione, la possibilità va dall’estremo della democrazia pura, all’estremo opposto della democrazia rappresentativa. In sostanza, ciascuno partecipa alle decisioni a cui è interessato, ma per tutti gli altri argomenti dà la propria delega a qualcuno che agisca nel suo interesse. Ovviamente si possono fare scelte sbagliate, di tanto in tanto, ma è sempre possibile cambiare idea.

“È disponibile un aggiornamento del Sistema Operativo della Democrazia”: testo esaustivo sul funzionamento della democrazia liquida e di come è implementata nel Partito Pirata

Fonti: http://liquidfeedback.org/mission/mission-it/#1 – http://it.wikipedia.org/wiki/Democrazia_liquida

Puoi leggere tutto il nostro programma politico qui