Partito

Statuto

Lo statuto è il nostro atto di nascita, che stabilisce scopi e finalità e regola la vita interna ed il funzionamento del Partito Pirata Italiano 

Manifesto

Rappresenta il nostro “Testo Sacro” Il Codice dei Pirati – Pirates without Borders

Regolamenti

Ogni decisione approvata si inserisce in un insieme di regolamenti che normano la vita del Partito

Approfondisci

Partecipa

Per aderire al Partito Pirata è necessario venire “certificati” di persona da altri pirati negli incontri fisici sul territorio o utilizzando la Certificazione remota  (con verifica tramite videochiamata) percorsi elaborati per garantire la riservatezza dei dati, la sicurezza e la legittimità democratica dell’Assemblea elettronica (un voto una persona reale);

infatti con la qualifica di socio si acquista il diritto di partecipare all’Assemblea Permanente (l’insieme di TUTTI gli iscritti),  ottenendo l’accesso alla piattaforma online Liquid Feedback, strumento decisionale del Partito Pirata Italiano

Approfondisci

Storia

Il Partito Pirata Italiano nasce per volontà di un gruppo di attivisti iscritti alla mailing list “no1984.org”.

Nella mailing list “no1984.org” nell’aprile del 2006 si discuteva dei problemi che possono sorgere con tecnologie quali i DRM e il Trusted Computing che in quel momento sembrava potessero avviare la nostra società nel solco del romanzo “1984”.

In quel periodo arriva la notizia che Rickard Falkvinge, in Svezia, ha messo in Rete il sito Piratpartiet.se, per difendere The PirateBay, un sito, anch’esso svedese, che ospita magnet link e .torrent file che permettono agli utenti di condividere contenuti tramite BitTorrent e che è accusato di violare il copyright.

Approfondisci

Close Windows, Open Doors

Aderisci anche tu alla campagna "Update from Windows 8".
Torna libero: passa a Linux.

Ultime notizie & novità

Rassegna stampa e Approfondimenti

Il reddito di base e il terzo mondo: esperimenti riusciti

Il reddito di base e il terzo mondo: esperimenti riusciti

Pubblicato il 15-01-17

Quando si parla di Basic Income (reddito di base), generalmente il pensiero corre ai Paesi del primo mondo, cioè quelli nei quali il progresso dell’intelligenza artificiale e della robotica avrebbe il maggiore impatto sull’occupazione. In realtà, come ha...

Leggi tutto
I “semi Open Source”, dagli USA all’India

I “semi Open Source”, dagli USA all’India

Pubblicato il 9-01-17

Riportiamo in traduzione un articolo a firma di Rachel Cernansky (qui la versione originale su ensia.com). Frank Morton coltiva lattughe sin dagli anni ’80. La sua azienda offre 114 varietà, tra le quali Outredgeous, che l’anno scorso è diventata la prima...

Leggi tutto
Privacy e lotta all’evasione: ecco GNU/Taler

Privacy e lotta all’evasione: ecco GNU/Taler

Pubblicato il 2-01-17

Quella a tutela della privacy è da sempre una delle battaglie che maggiormente caratterizza non solo il Partito Pirata (Falkvinge l’ha collocata al primo posto della sua Pirate Wheel), ma più in generale l’universo hacker. E se in campo informatico i...

Leggi tutto
Il reddito di base ci renderebbe pigri?

Il reddito di base ci renderebbe pigri?

Pubblicato il 28-12-16

Un eventuale reddito di base ci renderebbe tutti pigroni e perdigiorno? Il tema è dibattuto (anche) nella patria mondiale dell’etica del lavoro: gli Stati Uniti. Quella che proponiamo di seguito è la traduzione dell’articolo intitolato Universal basic...

Leggi tutto
Blockchain: primi utilizzi per scopi civici

Blockchain: primi utilizzi per scopi civici

Pubblicato il 22-12-16

Una delle conclusioni a cui sistematicamente si giunge. quando si parla di Bitcoin, è il fatto che la rivoluzione introdotta da esso non riguardi tanto la criptovaluta in sé, quanto piuttosto la tecnologia che sta alla base: la blockchain. Prima di addentrarci nel...

Leggi tutto
Il lavoro, i robot e la botte di Diogene

Il lavoro, i robot e la botte di Diogene

Pubblicato il 13-12-16

Narra la tradizione storiografica antica che il filosofo Diogene, durante l’assedio di Corinto portato avanti da Filippo di Macedonia, vedendo tutti i suoi concittadini indaffaratissimi (chi a rafforzare le mura, chi a preparare le armi etc.) si mise a far...

Leggi tutto

Il Programma dei Pirati

Dalla trasparenza dello Stato ai diritti civili digitali.